Menu

Recensioni

Disumana Res – Disumana Res

2014 - Autoproduzione
industrial/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.War On Bodies
2.Still
3.Frozen
4.Underkiller
5.Worms
6.Return To Nothingness
7.Beyond The Fall

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se avete consumato le videocassette del tour americano dei The God Machine del 1993, se avete perso l’udito con i live dei Ministry dello stesso anno o vi mancano le lisergiche atmosfere alienanti dei G.G.F.H., dovete assolutamente reperire il disco dei Disumana Res.

Nascono a metà degli anni 90 e dopo qualche demo, registrano nel 1998 sette tracce che non vengono pubblicate causa anche lo scioglimento del gruppo. Le tracce, dopo mastering finale ad opera di Mr. Bologna Violenta, vengono finalmente pubblicate nel 2014 ed è una vera gioia per l’anima(sempre se esiste). Il trio propone un industrial metal che rimane tuttora molto attuale e che non sembra per niente essere stato partorito 15 anni fa. Le sette tracce non hanno età e sono un vorticoso mix di urla, chitarre con corde che amputano arti e suoni tra il noise e l’elettronica più terroristica. Le atmosfere sono angoscianti, le voci disperate, si percepisce rabbia e un senso di misantropia totale. More human than human. In questo marasma c’è la velocità sonora che come nell’hardcore, spinge ad alzarsi e muoversi, agitare la testa e roteare le braccia. Muoversi fino a diventare artefici di un rituale che protegge da una società che opprime sempre di più. Insomma il disco legna da far male e senza che lo si chieda fa pure un bis di botte e sodomia. Degne davvero di nota le tracce più lunghe come Frozen (la migliore del disco, quella che non si scorda. Mai) o la gelida e finale Beyond The Fall.

Nel 1996 i Disumana Res vennero definiti su Rumore come un gruppo ostico, industriale, carnivoro e al passo con il tempo. Nel 2014 queste sette tracce mantengo la prestanza con il passato e i tre membri del gruppo rimangono fedeli alla loro giovinezza. Questo disco senza titolo non è un semplice optional, ma qualcosa da bramare.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=8Jj-KnTXv74[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close