Menu

Recensioni

Timber Timbre – Hot Dreams

2014 - Arts & Crafts / Full Time Hobby
folk/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Beat The Drum Slowly
2.Hot Dreams
3.Curtains!?
4.Bring Me Simple Men
5.Resurrection Drive Part II
6.Grand Canyon
7.This Low Commotion
8.The New Tomorrow
9.Run From Me
10.The Three Sisters

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Tutto è preciso, ordinato e coordinato alla perfezione. A partire dalla copertina: foto in bianco e nero anni ‘60-‘70, primavera-estate, normale vialetto d’ingresso fotografato da posizione defilata, quasi di nascosto. L’impressione è quella di immortalare furtivamente una vita altrui, le sensazioni sono strane e sinistre.

Esattamente come quelle generate dall’ascolto di “Hot dreams”, un disco tendenzialmente terso e soleggiato ma che improvvisamente si rabbuia e rinfresca a causa di addensamenti nuvolosi e sbalzi di temperatura in grado di cambiare radicalmente il colore e l’umore della giornata. Si ha una costante sensazione di instabilità, di fuoco non spento, di quadretto famigliare apparentemente felice e sereno, ma sotto sotto instabile e sdrucciolevole.
Gli arrangiamenti sono studiati al millimetro, tante sonorità ma tutte ben calibrate e recintate all’interno del proprio cortiletto. Non ci sono mai eccessi in un verso o nell’altro, si rispetta sempre la velocità di crociera, ma ciononostante non ci si annoia, anzi al contrario è un piacere perdersi e riperdersi dietro ad ogni traccia per scoprirne un passaggio, una variazione non notata in precedenza, perdere la testa per un particolare, che sia quel cazzo di sax in “Hot dreams” e “The three sisters”, la sezione ritmica di “Curtains!” o il finalone spaghetti western di “Run from me”, poco importa.
Tanti odori & sapori ed una sola costante, il pop. Quello elegante e d’atmosfera, quello che guarda al passato e a ciò che è già stato (suonato) ma che non trascura affatto il proprio tempo e contesto, quel genere di pop ricercato, corposo e che fa subito pensare al cinema ed in particolare a quei film noir e polizieschi anni ’70, celebri quasi esclusivamente per le sonorità che per qualsivoglia stilema o merito cinematografico.
In tutto questo la voce di Taylor Kirk fa da eccellente collante, con quel timbro quasi baritonale, caldo, suadente ed abile ad assecondare il sound e contestualmente a guidarlo senza strappi, con quell’autorevolezza propria dei grandi condottieri e che si manifesta più negli atteggiamenti che nelle parole.

Dopo “Hot dreams” il Canada non è più solo hockey, aceri, castori, Neil Young e Gilles Villeneuve, ma anche Timber Timbre. Disco stra-consigliatissimo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=En1llevuLQ4[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close