Menu

Recensioni

Killer Penis – King Of Slaps

2014 - Hard TurboRock
hard/rock'n'roll

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. no sleep til tearsvalley
2. get in veins
3. bad company
4. a great taste of shit
5. under the ground
6. licence to kill
7. one night of pride
8. it's raining blood
9. wash them with fire
10. king of slaps
11. stray dog
12. endangered pussy
13. guns, bitches, brawls & bottles

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Secondo lavoro per i toscani Killer Penis, dopo l’esordio del 2012. King Of Slaps, edito da Area Pirata Records, non si muove di una virgola da quell’idea di “Turborock” già proposta due anni fa: rock’n’Roll a manetta, ruvido grezzo e testosteronico, suonato da quattro bikers pronti a pisciarvi birra in testa se non apprezzerete il prodotto della casa.

Qui si va di Hard’n’Roll scandinavo (Turbonegro e Gluecifer su tutti) con gran dispiegamento di assoli al fulmicotone in pieno stile Motorcity, quando il Punk non era ancora Punk e l’Hard Rock non era più Hard Rock.
Vero asso nella manica a parere di chi scrive è il tocco Sleaze e Street Rock che i Killer Penis sanno mettere in alcune loro composizioni, cosa che permette di rendere la scaletta varia e puttanella il giusto: i cori anthemici ed azzecatissimi di Bad Company e A Great Taste Of Shit o l’inizio di Licence To Kill, con quel suo andazzo sculettante che pare di essere in pieno Sunset Strip a metà anni ’80.
Poi ovviamente ci sono le cavalcate Motorhediane di One Night Of Pride, Endangered Pussy e della Title Track, oltre alla cover ben riuscita di quel depravato di GG Allin (Guns, Bitches, Brawls & Bottles).

Forse l’unico appunto da muovere ai Killer Penis riguarda la seconda parte della scaletta, un tantino ripetitiva nei ritmi delle canzoni. Ma crediamo che dal vivo proprio nessuno se ne accorgerà.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6ncJeRJ2kvA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close