Menu

Recensioni

Incomodo – Un Po’ Di Silenzio

- Autoproduzione
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Mescalina
2. Un po' di silenzio
3. L'ignavo
4. Sensi di colpa
5. In fede infame
6. Alice
7. Ora non mi va
8. È andata così
9. Luen
10. Sai, ti dirò
11. Miyagi's little tree

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non si lasciano intimidire, tutto sommato cantano in italiano, primo punto a loro favore. È un esordio e come tale va visto: tanto brio, poco rispetto delle parti, molta adrenalina. Secondo punto in saccoccia.

Incomodo, quartetto leccese bello agile, me li immagino girare tutto il sud dentro un camioncino con nelle cuffie Wish dei Cure, Zen Arcade degli Husker Du o Solo un grande sasso dei Verdena. Anche perchè la loro benzina assomiglia o parte da quelle pronuncie stilistiche finendo, quando va loro maluccio, per essere una farsa grunge-post punk di un paio di decenni gloriosi italiani e non (In fede infame, Alice).
Quando azzeccano qualche ritmica se la giocano per attitudine spinto college rock-teens punk, lievemente blues e patetica popular che scomodata o mal riposta fra le sezioni poco sconfinfera (È andata così, Ora non mi va, Un po’ di silenzio) se non nelle abilità chitarristiche del Civino, a tratti portentose.
E veniamo ai testi, come anche al cantato: a volte cercano una dissacrazione senza senso di un io indistinto e indugiando così non si fa altro che denotare pressapochismo. Nonostante ciò, ci sono parti da cui principiare per raddrizzare il tiro, ad esempio una bella passata di spugna su questo grunge che dà sui nervi non sarebbe una cattiva idea; una maggiore cura sui lick e sui battimenti (Miyagi’s little tree), che ci sono, ma sembrano buttati lì tanto per fare un po’ di esibizionismo e non con un senso d’interplay, anche questo migliorerebbe la situazione; il cantato ha delle qualità se solo migliorasse per tono, tema e intonazione non pensando solo a gridare/sussurrare o imitare quella decina di cantanti che tutti già conoscono.

Ci sono solo due pezzi perfetti che riassumono bene il meglio del quartetto e sono Luen e Mescalina, dove tutto stranamente va come deve andare. Che si parta da qui.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=D1NSCjxwKa0[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close