Menu

Recensioni

The Pains of Being Pure at Heart – Days of Abandon

2014 - Yebo Music
pop/indie/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Art Smock
2.Simple And Sure
3.Kelly
4.Beautiful You
5.Coral And Gold
6.Eurydice
7.Masokissed
8.Until The Sun Explodes
9.Life After Life
10.The Asp In My Chest

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Pains of Being Pure at Heart son sempre stati quel classico gruppo a cui ti puoi sempre rivolgere con sicurezza se stai cercando quei quattro minuti di dolcezza e perfezione pop.

Aspetta aspetta, ho detto perfezione? Sì, ma fate tranquillamente finta che non l’abbia fatto, perché Kip Berman, per quanto autore in gamba, sembra ancora sulla strada della scoperta di se stesso e degli effettivi limiti delle sue capacità. Chiarito questo, è lecito aspettarsi che Days of Abandon, il terzo lavoro dei nostri, non si discosti poi molto da quanto abbiamo sentito in passato.
Solo che stavolta cimentarsi nel gioco di “trova le differenze” diventa fin troppo facile: metti su Beautiful You e, se già dal titolo pensi ai Cure, ascoltando pensi che gli Smashing Pumpkins stiano cercando disperatamente di fare una cover di qualche pezzo di Kiss me Kiss me Kiss me. Oddio, pure il riff di chitarra durante il ritornello sembra furbescamente prelevato da Pictures of You…
Masokissed invece, è molto meglio di quel che fa credere il titolo imbecille, avanzando sicura con un jingle/jangle da far invidia agli Aztec Camera e a qualsiasi revival C86 possiate pensare. Until the Sun Explodes intanto corre in totale noncuranza, riuscendo quasi ad alzare discretamente i volumi e richiamando dei Dinosaur Jr. in versione ottuagenaria e con le gambe rotte.

Insomma, l’ultimo lavoro dei Pains li trova tremendamente maturi e intenti nel fare quel che hanno sempre fatto: investirvi di nostalgia e spezzarvi il cuore con le loro impennate di glicemia. Problema è che ora sembra tutto fin troppo facile, come se non ci fossero più vere emozioni dietro le canzoni ma solo un abile artigiano che sa come far fare “tweeeee” a una chitarra e a infilarci un testo stupidello ma non troppo.
Se è questo che vi basta, stanno qui per voi.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=XTy3bSofqTM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close