Menu

Recensioni

Infection Code – La Dittatura Del Rumore

2014 - Argonauta Records
noise/industrial

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Miasma
2.Lottacontinua
3.Vuotavertigine
4.Maledesistere
5.Profondopiomborosso
6.Ilsensodellacondanna
7.Omniasuntcommunia

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Evolversi significa soffrire. Ogni cambiamento si accompagna alla perdita di qualcosa, qualcosa di profondo, qualcosa che prima era in un modo e ora prende una forma diversa e viene alla luce coi denti scoperti, affamata del nostro vecchio essere.

E così quella cosa che stava sotto la pelle elettrica degli Infection Code ha preso forma difforme in questo nuovo lavoro che ha inciso sul cuore un nome che altrimenti non poteva essere: “La Dittatura del Rumore”. Se in tutti gli album precedenti della band l’oscurità è stata uniforme, nei solchi di questa creatura si schiude un prisma contaminato dal colore di questo dolore necessario. Figlia prima di questa colorazione virulenta è “LOTTACONTINUA”, che genera impulsi di puro delirio elettronico, inchioda la pelle alle pelli del ritmo, si apre e si contorce in stomp allucinogenetici che spezzano il collo e terrorizza con sventagliate vocali terrificanti. Il mantra psicotropo di “MIASMA” è violenza industrial primordiale e tende i nervi come fossero cavi elettrici, mentre “VUOTAVERTIGINE” si staglia in un plumbeo cielo di disagio trip-hop. Il disco ha un ritmo emotivamente straziante e se le chitarre leniscono in parte le ferite, l’elettronica lavora all’opposto, esempio ne è “MALEDESISTERE” con la sua architettura di textures aperte infettate da synth striscianti e in perpetua ascensione verso una catarsi allucinante. E mentre “PROFONDOPIOMBOROSSO” è pura dementia ritmica che piomba in un sintetico e putrescente maelstrom vuoto “OMNIASUNTCOMMUNIA” diventa una blasfema preghiera dronica violenta e distopica che porta alla follia.

Un disco che vive di una purezza di terrore sonico, in un tempo e in un luogo marcescenti, acuita dal passo puro dell’evoluzione dell’orrore, che fila liscio come un rivolo di benzina sulle strade di questi nuovi anni di piombo. Pronto ad accendersi.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=BV4OhV4ONlo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni