Menu

Recensioni

Eldritch – Tasting The Tears

2014 - Scarlet
metal/progressive

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Inside You
02. Tasting The Tears
03. Alone Again
04. Waiting For Something
05. Seeds Of Love
06. The Trade
07. Something Strong
08. Don’t Listen
09. Iris
10. Love From A Stone
11. Clouds

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La reazione media di chi è venuto a sapere che avrei recensito il nuovo album degli Eldritch è stata mediamente “ma ancora vanno in giro questi!?”. Eh sì, pare proprio che il gruppo ne abbia sopportate tante in questi venti anni di carriera, esemplificato da una discografia altalenante caratterizzata in gran parte della quasi costante voglia di reinventarsi con un nuovo sound.

E su questo Tasting the Tears non delude, nel senso che i livornesi ripartono dal thrash/progressive degli ultimi discreti lavori, ne sottraggono le influenze elettroniche e… sperano che tutto ciò basti per arrivare da qualche parte. I risultati, beh, immagino che non sorprenderò nessuno quando affermo che son piuttosto altalenanti.
Per quanto l’inizio con Inside You sia promettente, un pezzo proprio “tipicamente” loro, e pure la title track non sfiguri affatto in quanto a violenza, presto l’orecchio inizia a stancarsi.
Il decimo lavoro della band cerca a tutti i costi di complicare le cose, scelta che gli si ritorce spesso contro, andando forzatamente a parare su sonorità progressive con una disperata pila di chitarre e tastiere. Oltretutto soffre di un pesante calo di scrittura nella parte centrale, finendo col riprendersi solo a giochi ormai fatti. Specialmente notevole, proprio in chiusura, è la cover I Will Remember, originalmente dei Queensryche, in chiave acustica con la buona prova vocale di Terence Holler, sia tecnicamente che emotivamente perfetta.

Alla fine però il problema è che per quanto vorresti parlare male degli Eldritch, la loro professionalità te lo impedisce, in un panorama musicale caratterizzato dalla tipica mediocrità italiana e pochezza compositiva, Tasting the Tears si difende comunque più che bene.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=56-U0G6jeKE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close