Menu

Recensioni

Winter Severity Index – Slanting Ray

2014 - Blood Rock Records / Manic Depression Records
New Wave\Minimal\Pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.At Least The Snow
2.Ordinary Love
3.A Sudden Cold
4.Bianca
5.The Brightest Day
6.Fishblood
7.Lighting Ratio
8.No Will
9.Compulsion
10.Embracing The Void

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Mi piace pensare che ci siano degli angoli sul pianeta ancora da scoprire. Mi piace pensare che ci siano dei musicisti che sappiano spiegare l’inspiegabile perchè spesso solo le parole non bastano, bisogna aggiungere altro. Sentire le note. Le vibrazioni. I synths. Piccole goccioline che cadono da un ramo e che vengono colte prima dello schianto finale. Mi piace pensare che il minimale sia una cosa da riscoprire nella musica e che questo vuoto che ci portiamo dietro si possa raccontare per renderlo una esperienza comune. Per far sciogliere parte del fardello. Per esorcizzarlo e ballarci sopra. Un gruppo che mi ha particolarmente emozionato in questo periodo sono i Winter Severity Index giunto al primo full dal titolo Slanting Ray.

Slanting Ray è composto da una decina di tracce tra la dark-wave, l’elettronica e un mondo minimal-pop sicuramente interessante da esplorare. Il gruppo dall’aspetto mutevole nel tempo è ora composto da Simona Ferrucci (voce, chitarra, basso, drum machine, testi e arrangiamenti) e da Alessandra Romeo (synths e tastiere). Nel passato però si sono alternati vari personaggi tra cui pure Mushy ad inizio del nuovo secolo. Insomma un duo che riesce a dire tanto, quasi quanto una band “tradizionale”. I testi sono molto interessanti, distesi, e parlano di una visione a volte compulsiva, a volte limpida e a volte fredda di ciò che ci circonda e che ci avvolge. In certi casi il sax di Pierluigi Ferro dona una bellezza unica alla struttura musicale. C’è una delicatezza che si può respirare come nella strumentale Bianca. Sembra di fermarsi al bordo di una strada nel cuore della notte. Vedere le luci soffuse delle macchine che passano e nel silenzio sentire queste note. O perché no, vivere una pace di gioia di intenti e di movimento come in A Sudden Cold. E perché non parlare delle compulsioni da disturbo ossessivo di Compulsion o di Embracing the Void? Poi ci sono tante altre canzoni da citare, perché il progetto Winter Severity Index non si limita a piazzare qualche buona hit ma vuole essere un blocco solido, ben strutturato e studiato. Ordinary Love con il suo ritmo incalzante è una ballata isterica e aumenta il ritmo della produzione generale. Lighting Ratio acceca con i suoi raggi violenti ma sempre portando con se una classe non da poco.

Insomma, Slanting Ray del progetto Winter Severity Index è un disco completo, un viaggio tra dark wave, minimal e pop che è il sale della vita in una stupida estate come questa.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=93d708IvOTo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close