Menu

Recensioni

Inbound Legacy – Death And Love

2014 - Autoproduzione
heavy metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Revolution Inbound
2. A Pearl like the Sun
3. Slut me
4. Death and Love
5. A Pearl like the Sun (reprise)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Date un po’ di brio alla vostra estate. Più che brio, proprio un’energica scossa. Fatelo ascoltandovi questo EP ruggente. Attenti, perchè si tratta di roba ad alto voltaggio.

Un disco dalle mille sfaccettature. Le diverse facce della medaglia del metal in un unico insieme. Questo giovane e fresco gruppo romano ci mostra fin da subito la sua versatilità musicale unita ad una sana rabbia che non guasta mai. Più che gruppo, sarebbe più corretto dire un esercito: sì, perché si tratta di un lavoro che ha visto protagonisti ben oltre venti musicisti tra chitarre, bassi, batterie, tastiere, violini e violoncelli. “Death and Love” si apre col botto con la cupa ed iraconda “Revolution Inbound”, un’esplosione di sano thrash metal martellante, per poi prendere subito una piega rilassata con la poetica e sognante “A Pearl Like The Sun”, una stupenda e malinconica ballata epica con tanto di archi che ci porta con la mente in qualche scenario fantasy tolkeniano. Subito dopo veniamo travolti da un elettrico vortice heavy metal con “Slut Me”, brano su di giri, esaltato ed esaltante, venato di rabbia allo stato puro. Le acque si calmano ritmicamente ma non interiormente con “Death and Love”, altra dolcissima ballad introspettiva e viscerale, suggestiva e a dir poco magica, in grado di lasciarti inchiodato lì dove sei immerso in chissà quali ricordi. Questo strano racconto narrato attraverso le note e le stupende voci maschili roche e profonde si conclude con la ripresa di “A Pearl Like The Sun”, struggente ed incantevole, degno epilogo di un disco del genere.

Rabbioso e delicato, triste ed euforico, “Death and Love” è una contraddizione in tutto e per tutto che fila però liscia come l’olio. Un disco formato da antitesi che, invece di scontrarsi l’una contro l’altra, creano dei binomi perfetti. Un po’ come l’amarezza della vita, ossia la fine di essa, e l’amore, ovvero ciò che dona ad ogni cosa un sapore più dolce. Abbandonatevi alle atmosfere incantate evocate dal genio e dal talento di questa squadra vincente. Aspettiamo l’LP con ansia.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=PtgCC8xQ1W8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close