Menu

Recensioni

The White Mega Giant – TWMG

2014 - ShyRec
post-rock/elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Hubots Pt. 1
2.Hubots Pt. 2
3.Heart Beat Quantize
4.Analog
5.Pulse Rate
6.Substitute
7.Automaton
8.Meccatronica

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I The White Mega Giant sono tre ragazzi che dal 2010 portano avanti una proposta post-rock molto interessante e che grazie all’energia di questo formato sono riusciti ad attirare l’attenzione prima dell’etichetta Shyrec e poi di un pubblico sempre più numeroso.

Dopo Antimacchina, i The White Mega Giant sono tornati in studio per registrare un nuovo vinile della durata di quasi 50 minuti e dal titolo TWMG. Non ha senso aggiungere tante altre parole sul gruppo se non concentrarsi sul disco in quanto è presente un’evoluzione che sta portando il progetto a crescere verso forme e direzioni nuove. Se il punto di partenza può essere il post-rock che ha reso famosi gruppi come gli Explosions In The Sky o più recentemente gli If These Trees Could Talk, il punto di arrivo è un’elettronica deviata, analogica, fredda e introspettiva. Gli ampi spazi aperti e celestiali lasciano lo spazio a settori danneggiati, sintetismi minimali e unità di controllo sevizianti. Riguardo a ciò, Hubots e Meccatronica sono l’intro e l’outro più azzeccate, perché come precisi geometri riescono a descrivere quello che The White Mega Giant erano, quello che sono e quello che vogliono diventare. C’è una qualità generale interessante, una visceralità di emozioni che si diffonde con il passare del tempo e una sicurezza piacevole e per nulla spocchiosa. In questi estremi si trovano i paesaggi spaziali di Heart Beat Quantize, i silenzi di Analog e la frenesia elettrica di Substitute. Ma anche molto altro.

Raggiunta la maturità, i The White Mega Giant realizzano un disco post-rock altamente elettrico e intricato. Mondi ignoti, dimenticati o banalmente ignorati vengono decantanti in TWMG. Disponibile in vinile e in postcards con download code per Shyrec e “beccabili” dal vivo in uno dei vari appuntamenti riportati sul loro profilo Facebook.

Streaming integrale dell’album qui

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close