Menu

Recensioni

Giardini Di Mirò – Rapsodia Satanica

2014 - Santeria
post-rock / new-wave

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. I
2. III
3. VII
4. XIII
5. XVII
6. XXI

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Tornano i Giardini Di Mirò, dopo esperimenti più o meno riusciti, a fare una cosa che sanno fare come pochissimi altri in Italia. Tornano ad avere la stessa classe che per un album avevano abbandonato, sonorizzando un film del primo ventennio del ‘900 (e stampando tutto in un’edizione limitata a 500 pezzi in vinile rosso), ed a lasciare che l’ascoltatore si perda nelle sei tracce senza aver nemmeno il desiderio di ritrovarsi.

Completamente strumentale, senza che serva nient’altro per navigare tutto quello spettro emozionale che altri gruppi sono forzati a trasmettere con la voce; il risultato finale è di una capacità comunicativa stupefacente, si riesce a percepire pienamente lo scheletro cinematografico del progetto: tutto sembra unito, dove più e dove meno, ma tutti i singoli episodi possono essere presi e rielaborati in completa solitudine, quasi fossero appunto scene di un film che acquistano sensi diversi se isolate o inserite nel tutto.
Musicalmente i Giardini Di Mirò si confermano al di sopra della maggior parte dal resto della scena italiana, per moltissimi motivi: il suonato è perfetto, la capacità di innovarsi (mai scontata per un gruppo con una storia così solida alle spalle) non si fa mai desiderare, la perizia con la quale rapiscono l’orecchio rimane immutata, l’abilità che dimostrano nel creare una bolla di suono omogeneo unendo strumenti non sempre troppo vicini tra loro ha dell’incredibile.

Un album da mostrare all’estero, da diffondere ai conoscenti a testa alta, che allarga ancora un po’ il confine italiano e fa un salto oltre lo schema del genere musicale: piaccia o no, va riconosciuto come un lavoro di qualità altissima, senza ammissibilità di scuse.

[youtube]https:// https://www.youtube.com/watch?v=EaMVdlVrsb0 [/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close