Menu

Recensioni

Miriam Mellerin – Il Vizio

2014 - Arroyo Records
rock / noise / progressive

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Mura Domestiche
2. Incolore
3. Notte
4. Scolopendre
5. Mantra
6. Delfini
7. Radici
8. Usi E Consumi
9. Il Mio Corpo Fantastico
10. La Città Dei Piccoli
11. Blob

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’elettrica band pisana è tornata. Con un arsenale di undici bombe. Una guerra fatta con note e strumenti musicali. Il progressive letale dei Tool mischiato con la cattiveria stoner dei Melvins, un po’ di buon sano noise e spruzzi post-rock.

Ben amalgamato e versatile, il disco passa dal martellante ed acido “racconto” grunge di “Il mio corpo fantastico” all’eclettico “Scolopendre”, brano rigorosamente strumentale in cui la voce lascia pieno spazio ad uno spumeggiante e metallico art-rock, dalle misteriose sonorità orientaleggianti di “Radici” all’introspezione a tratti più distesa a tratti più aggressiva di “Usi e costumi”, traccia aperta da un virtuoso ed esplosivo assolo di batteria. Toni velenosi, dissacratori, sarcasticamente pungenti dall’inizio fino alla fine, senza momenti di tregua o di calma anche solo apparente. I Miriam Mellerin non si fermano mai, implacabili, con i loro suoni sporchi e decisi. Particolarmente degni di nota la rabbia un po’ poetica e senza pietà di “Notte”, la tranquillità illusoria, lo scoppio ritardato, i continui cambi di direzione di “Delfini” e le impetuose e colleriche trasformazioni di “Blob”, degna conclusione di un lavoro del genere.

Un bella seconda prova più matura e sempre molto agguerrita per l’arrabbiato trio toscano. Un disco forte, una scarica determinata a mettere sottosopra il panorama underground italiano.

Mi piace l’odore del napalm al mattino.”

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=hxm7rb4ZpwE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close