Menu

Recensioni

Hyst – Mantra

2014 - Macro Beat Records
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Adesso Scrivo
2. Adesso Parlo
3. Hi-Fi
4. Quando È Finita
5. Essere O Non Essere
6. Non Mi Tengo Niente
7. L'Arte Di Essere Felici
8. Fuck Your Party
9. Smettiamo Un Po'
10. Anthem
11. Sempre
12. Cassandra

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo mesi e svariati album raPcapriccianti finalmente un periodo fortunato e si spera ulteriormente propizio per la scena nostrana: Mistaman, Ghemon, Willi Peyote e ora Taiyo Yamanouchi alias Hyst, fratello > di Jesto e figlio del grandissimo Haruhiko, attore caratteristica con una carriera cinematografica e televisiva da paura.

Fatte le presentazioni, torniamo quindi a “Mantra” con il poliedrico artista italo giapponese a proporre un disco che gira agile fin dai primissimi play, ben dosato com’è grazie a sole 12 tracce (non le consuete 28 tra intro, skip 1, outro, ecc.) e a sonorità eterogenee ma non troppo, in grado così di assecondare contenuti e rime dallo stile friendly e colloquiale ma allo stesso tempo elegante e maturo.
Hyst ha capito come l’essere real sia l’unica arma per distinguersi dal resto della scena: è inutile e privo di senso fare a gara a chi ce l’ha più duro e/o lungo, quando nel 99% dei casi stiamo ascoltando cazzate orientate unicamente al mercato. La cosa migliore da fare è raccontare quello che si vede e vive senza filtri ne piedistalli e, alla stessa stregua, raccontarsi per quello che si è realmente nella vita di tutti i giorni, facendo di questa normalità un vero e proprio valore da difendere con le unghie e con le rime.
12 tracce godibili, prodotte con precisione e perizia tra gli altri da Big Joe, Fid Mella e Turi ed impreziosite da featuring di prima fascia (Kiave, Mista e Willie Peyote, giusto per citarne alcuni) ma sempre ben dosati ed a fuoco. Il tutto per un album che non stupisce per chissà quali effetti speciali, ma che si rivela a presa rapida arrivando pressoché immediatamente al cervello ed al cuore. Menzione particolare per “Cassandra”, vera e forse unica bomba dell’album, “Essere o non essere” e “Sempre”.

Benone. Avanti così.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=DAqaSDtvbis[/youtube]

 

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close