Menu

Recensioni

Azealia Banks – Broke With Expensive Taste

2014 - Self
r'n'b / house / rap

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Idle Delilah
2.Gimme A Chance
3.Desperado
4.JFK
5.212
6.Wallace
7.Heavy Metal And Reflective
8.BBD
9.Ice Princess
10.Yung Rapunxel
11.Soda
12.Chasing Time
13.Luxury
14.Nude Beach A-Go-Go
15.Miss Amor
16.Miss Camaraderie

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Broke With Expensive Taste doveva debuttare su Interscope e Polydor Records, poi è nata la conflittualità con le label, quindi il conseguente abbandono delle medesime da parte della rapper di Harlem; stesso discorso con XL Recordings, abbandonata precocemente dalla Banks; si preannunciava ATM Jam con featuring di Pharrell Williams il singolo trainante dell’atteso primo disco, poi un cattivo riscontro di pubblico e la decisione di escludere dalla scaletta tanto il pezzo, quanto l’uomo, di cui sopra; la Banks era inclusa nella compilation Cruel Summer della G.O.O.D. Music, ma rimane esclusa dalla versione definitiva dell’album; NME titolava il venticinque giugno 2013: “Azealia Banks working with Disclosure”, però il sodalizio coi Disclosure e il tweet – Just had an amazing session with @disclosure !!!! – finiscono per rivelarsi un nulla di fatto.

Le idee paiono limpide alla Banks nel 2012. In una video-intervista dal titolo “Azealia Banks to Drop 2 Albums in 2013 (And Quit Rap?)”, rilasciata su YouTube il 24 dicembre di quell’anno, afferma: “Dal punto di vista del suono, è davvero maturo… Non ho voluto fare nulla che sembrasse come giovane [o] mainstream. Mi sono tenuta lontana dalla dubstep, e ho provato a stare lontana dal trap, ma un pezzo trap l’ho registrato… ogni cosa nel mio album si evolve come anti-pop, o semplicemente anti-ciò-che-accade-oggi”.
Oltre le note marginali, i due punti essenziali dell’affermazione sono: uno, la maturità del suono, e due, il concetto di anti-pop. Bisogna, dunque, comprendere cosa significhi effettivamente avere un suono maturo, o cosa per Azealia Banks significhi, e cosa stia effettivamente accadendo oggi attorno a lei, così da definire per antitesi la prospettiva della Banks.

Broke With Expensive Taste è formalmente un disco USA, ma essenzialmente un disco UK: Azealia Banks è figlia della scena grime à la Kano per l’eclettismo, che si mitiga a cattiveria, è proselita del suono UK Funky ed è ammiratrice della scena UK Garage, lato Disclosure, quindi lo spartiacque Settle, e lato Lone, quindi il suo bellissimo Reality Testing e più ampiamente la R&S Records. La Banks cita, però, l’influenza di Rihanna, dei The Shins, di Ariel Pink, di Beyoncé, ma è in realtà più l’espressione di un gusto musicale del tipo – sì, mi piace ascoltare i dischi di Rihanna, dei The Shins, etc., a casa -, piuttosto che una reale affinità nell’attitudine.
Ora è chiaro che Azealia Banks non abbia dimenticato di curare i dettagli in questi presunti e dichiarati quattro anni di lavorazione al disco, dunque è la cura della forma canzone la sua concezione di maturità. E per risultato si ha una finezza di produzione ai limiti dell’impeccabile.

L’anti-prospettiva della Banks si pregia di un geniale pezzo big-beat, stile The Prodigy minimal-eterei, Desperado, che è un prodotto di M.J. Cole: il producer UK Garage con il sax nu-jazzato lancia la Banks su un beat riuscito doverosamente; ma è Lazy Jay, ossia il belga Jef Martens, noto per il moniker Basto, a fornire materia, su cui trattare ampiamente, perché 212 è un pezzo inquadrato con gusto prog-house e tesse l’effettivo metro di paragone: ARTpop di Lady Gaga, per il tiro, per le idee, e quant’altro.
Entrambi i dischi, Broke With Expensive Test e ARTPop, sono ascrivibili alla generica categoria di EDM, ma oltre il collegamento electro-house, soprattutto teoricamente i due album si auto-confezionano con la precisa connotazione programmatica di ‘pop’. L’ARTpop di Lady Gaga è l’equivalente dell’anti-pop di Azealia Banks, mentre a mutare è il contesto attorno all’una e all’altra liricista. ARTPop e Broke With Expensive Taste infine godono di un lavoro produttivo tagliato su misura e ‘maturo’: ciò porta a valutare l’influenza effettiva e storica sulla scena pop contemporanea dell’operazione The 20/20 Experience della triade Timberlake/Timbaland/Harmon, la stessa triade coinvolta poi indirettamente in Beyoncè (si ricordino le influenze della Banks).
Perché per Lady Gaga ARTPop sia stato quell’insuccesso, che si è rivelato, basti dire che la critica l’ha accusata di voler seguire le tendenze, ad esempio la più giovane Lana Del Rey. E ora invece Lana Del Rey ci torna utile, perché nella scaletta di Broke With Expensive Taste esce Abraham Orellana, genio del MPC Sampler, meglio noto come AraabMuzik, che con Lana Del Rey si era esercitato in solo su For Professional Use Only 2, remixando il singolo Summertime Sadness, e così per Azealia Banks confeziona il pezzo trap, che le serve e che preannunciava, nel punto esatto della scaletta, così che lei possa sfoggiare la propria alternativa a The New Classic di Iggy Azalea.

Broke With Expensive Taste può essere e probabilmente sarà un preludio di successo: Azealia Banks è al primo disco e la sua critica e il suo pubblico – lo dimostra il fallimento del singolo con Williams – non aspettano da lei un disco ‘mainstream’, ma semplicemente un disco ‘giovane’. Si aspettano, pubblico e critica, che lei sviluppi l’assioma: giovane è nuovo, nuovo è qualità. E qui torna il parallelo coi Disclosure; la Banks dovrebbe apportare lo svecchiamento che i Disclosure sembrano avere ri-apportato alla house.
Poco si può dire del pezzo ereditato da Ariel Pink, Nude Beach A-Go-Go, che pare più un artificio per dilettare con la propria eterogeneità o una sorta di interludio che intrattiene e decontestualizza il discorso sonoro, sin a quel momento improntato. Nude Beach A-Go-Go è carnevalesco alla stregua del finale latino-demenziale di Gimme A Chance.
Finalmente arriva il doppio finale dei pezzi prodotti da Lone, che sigilla la collaborazione e non perde occasione per sfruttare la Banks come propria rampa di lancio, vestendosi da provetto David Guetta (che in ARTPop era effettivamente a supporto di Lady Gaga). Il duo lavora ottimamente assieme e Miss Amor e Miss Camaraderie chiudono senza rimpianti Broke With Expensive Taste.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=jtTjzDTpx8o[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close