Menu

Recensioni

Kele – Trick

2014 - Kobalt
electro / house

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.First Impressions
2.Coasting
3.Doubt
4.Closer
5.Like We Used To
6.Humour Me
7.Year Zero
8.My Hotel Room
9.Silver & Gold
10.Stay The Night

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chi non ritiene possibile si possa passare dall’essere front-man di una delle band indie rock più importanti sulla scena a un progetto solista tra dance, beat ed electro-house, dovrebbe ricredersi pensando alla storia di Kelechukwu Rowland Okereke detto “Kele”, il musicista britannico (ex?) leader dei Bloc Party, band londinese che vive un nuovo momento di pausa dopo aver raggiunto un certo successo con una carriera decennale tanto breve, quanto intensa.

La verità è che “Trick” non può stupire per il suo sound: già nel 2010 Kele aveva esplorato questi territori con il suo album di debutto da solista (“The Boxer”), pubblicato prima di un’effimera reunion coi Bloc Party, che fruttò la pubblicazione di “Four”. E dopo “The Boxer”, era lecito aspettarsi un album in grado d’esser accolto dalla critica positivamente, un disco che potesse confermare la duttilità del musicista con origini nigeriane. Kele ha trovato questa sua nuova anima, questo suo nuovo modo d’esprimere sentimenti, ha sostituito il palco con la discoteca. L’apertura è segnata da un’atmosfera calda e intima, dal ritmo lento e morbido che ben s’adatta al duetto con Yasmin (“First Impressions”). Segue un brano più veloce nei ritmi, ma troppo pop nel sound (“Coasting”) prima della convincente “Doubt”, destinata, di certo, a far ballare parecchio il pubblico.
“Trick” è un viaggio all’interno della dance con escursioni elettroniche e house (come “Humour Me”), in cui c’è tanto spazio per la bella voce del cantante (“My Hotel Room”). In chiusura il disco mostra i muscoli, con gli ultimi due pezzi (“Silver & Gold” e “Stay the Night”) che fanno calare il sipario su un album riflessivo, nel quale Kele Okereke si confessa timidamente per confermare d’aver definitivamente, forse, voltato pagina.

“Trick” saprà far ballare, e saprà, tutto sommato, farsi apprezzare dagli amanti del genere, pur non essendo un capolavoro.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=bv58fEFWvkg[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close