Menu

Recensioni

Movie Star Junkies – Evil Mood

2014 - Voodoo Rhythm Records
punk / blues

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A PROMISE
2. THREE TIMES LOST
3. PLEASE COME HOME
4. RISING
5. JIM THOMPSON
6. A LAP FULL OF HATE
7. IN THE EVENING SUN
8. ALL SORTY OF MISERY
9. RED HARVEST
10. MOVE LIKE TWO GHOSTS

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quando ci si imbatte in un disco come “Evil Moods” dei Movie Star Junkies, non volendo esagerare, si può vivere una sorta di dissidio interiore. Va chiarito sin da subito: è un grandissimo disco. Per cui, mentre si apprezza un sound decisamente particolare, che è capace di viaggiare dal blues al punk in pochi istanti carichi d’adrenalina, vien naturale chiedersi quanto sia ingiusto che band come queste non possano godere di tutta l’attenzione che realmente meriterebbero.

“Evil Moods” è un viaggio nel West, è la colonna sonora ideale per percorrere la Route 66 distratti dai canyon americani. È un album intriso di letteratura: un po’ hard boiled, un po’ Hemingway, un po’ Kerouac, molto on the road. Proprio come un libro, ogni brano è pensato, al contrario di quanto accadeva nel precedente disco, come un unico fluire di pensieri e note, senza strofe e ritornelli.
In “Jim Thompson”, traccia centrale del disco,  la collaborazione con Claudio Jolowicz, Jason Liebert e Bastian Dunckert e quindi il largo spazio concesso ai fiati, contribuisce a cambiare sonorità in un pezzo vagamente funky. Il cuore blues del disco pulsa fra la settima e l’ottava traccia: “In the evening sun” e “All sorts of misery” sono i due pezzi più romantici, insieme con “Rising”, brano degno di Django Unchained, leggermente più lenti rispetto agli altri, in cui il ritmo, spesso scandito da un’ottima batteria, è solitamente abbastanza elevato.

L’ultimo dei Movie Star Junkies è un album carico di interessantissimi spunti di riflessione e si colloca di diritto fra i migliori dischi italiani del 2014. Dieci brani che sembrano i capitoli d’un libro d’avventure ambientate al di là del Mississippi ci dicono, fugando ogni minimo dubbio, quanto grande sia il talento di questa band, certamente fra le migliori realtà del panorama underground italiano.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=00lf89qy3z4[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close