Menu

Recensioni

Peter Punk – Il Seme Della Follia

2014 - La Grande V Records
punk / rock / ska

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Lo stesso fuoco
2. Sasha Grey
3. I very ladri
4. Il seme della follia
5. Trashers
6. Ombra Longa day
7. Odio
8. Nucleo storico
9. I ricordi che non ho
10. The pug song
11. 20+
12. Panico

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Certo, se non vi piace il punk rock italiano, se non avete passato metà della vostra adolescenza a pogare a caso con band di dubbio gusto, se state cercando le chitarrine e i testi che parlano dell’evoluzione della società come intricato e complesso sistema di cause ed effetti, potete evitare di ascoltare i Peter Punk. Loro non sembrano cambiati granché dal 1994, hanno sostituito Selen con Sasha Grey e si sono aggiornati ai tempi, ma la retorica punk non è cambiata di un soffio: non mollano di un cazzo.

Musicalmente è come saltare nel passato. Batteria con ridotto spettro di ritmi, chitarre con pennate violente alternate a tocchi che le fanno stridere al massimo, basso che sottolinea i momenti di “riflessione”, cori che coinvolgono l’orecchio. I salti di ritmo tipici dello ska riescono ancora a far muovere come allora, la voce è sporca e malcurata e tutto va benissimo così.
Se questo non vi attira, come dicono loro stessi, “lascia stare tanto non ci capirete mai”. Se avete voglia di tornare giovani benvenuti: si parla di pornostar (e di un ipotetico Rocco di campagna in 20+), di lotte più o meno interiori, di ritorni, di rabbia e di alcool. Menzione d’onore a Ombra Longa day, dedicato ad un festival enogastronomico (molto più eno che altro) che si teneva a Treviso fino a qualche anno fa.
Un’eventuale caduta di stile, Trashers, che vede Diprè coprotagonista di un video nel quale il gruppo critica una società distrutta dal modello che ogni giorno internet e compagnia ci portano (vedere degli over30 lamentarsi di essere figli dei fenomeni nati dal web raschia un po’ con la mia visione del mondo).

Per il resto nell’album c’è tutto ciò che chi si approccia ai Peter Punk, ora come allora, può cercare; il loro compito (per quello che è, ripeto) lo svolgono alla perfezione e ci si può di nuovo lasciare andare a tutto il rancore e la voglia di sfascio che si provava da adolescenti: bentornati, a loro e a noi.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=xmpxf_shspo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close