Menu

Recensioni

Zu & Eugene S. Robinson – The Left Hand Path

2014 - Trost Records
noise / sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Waiter Waited
2. Taking The Give
3. Nightly A Sky
4. A Slick Not Spoken of Now, Or Again
5. In The Corner, Of The Corner Apartment
6. Looking For The Devil
7. Relaxing
8. Take – Away Truck
9. Phone Call From A Well Dressed Man
10. Beg
11. Shame On Me
12. 6 O’ Clock
13. Praylude
14. Land Lord
15. TheKey To Good Dental Health
16. We’re All Friends
17. Enterlude
18. Near To Sleep
19. Pinning The Body To The Soul

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Depravazione, odio, disperazione, amore, tumulto, devozione e dissezione dell’Es. La voce di Eugene S. Robinson evoca e claudica, è magniloquenza e minimalismo, fa male, cura e prega. Gli Zu l’accolgono nelle trame anomale di qualcosa che mai è stato così distante da ciò che sono loro (arrembaggio, furia, distorsione).

Qui c’è un labirinto totalizzante. “The Left Hand Path” è un cammino distante da tutto ciò che c’è e ci sarà. Lontano dal grind, lontano dal post, lontano da Oxbow e da Xiu Xiu e dagli Zu stessi.
Lontano perso in luoghi non comuni, un cammino fatto di distacco e reminiscenze, un esperimento, come non capitava di sentirne da tempo dalle mani dei due romani (qui già manca Battaglia e ancora non è approdato Serbian). Si tratta di un gioco di silenzi ed atmosfere al di là del normale, dunque non ci si aspetti distruzioni bassistiche e assalti baritonali, ma orrorifiche sembianze del mostro a quattro corde accompagnati da pianti e lacerazioni vocali (“In The Corner. Of The Corner Apartment” trasuda terrore puro così come la disturbante “6 O’clock” che diventa preghiera ed invocazione), metallurgie impresse nel vuoto (“Waiter Waited” apre una porta sinora chiusa a Zu ma apertissima a e da Pupillo) e ancora muta la sua forma e da spazio a blues primitivi che escono dal fango del Delta dello Stige (“Taking The Give” è proprio ciò che non t’aspetteresti ma anche l’elettricità semiacustica di “We’re All Friends”), così come l’arrivo di un essere lirico sotto forma di violoncelli con la sola voce a fare da fondale mortifero (la deviante “Land Lord” e la magniloquente e caveiana “Near To Sleep”) fino a rendere tutto troppo, eccessivo, estremo nel proprio non esserlo affatto.

Nel creare un disco di silenzi si è creato, dunque, un rumore ben più acuto di qualsiasi sfuriata grind da qui a venire, senza dar giudizi troppo affrettati, vorrei che accadesse ancora più questo di quello. Ma è tutto un susseguirsi di differenze. E non ritorni.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=oBiFvLtsuq8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close