Menu

Recensioni

Mecna – Laska

2015 - Macro Beats
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Intro
2. Micidiale
3. Dove Sei Tu
4. Faresti Con Me
5. 31/08
6. Male Di Me
7. Pace
8. Non Dovrei Essere Qui
9. Roar ft Patrick Benifei
10. Taxi
11. Non Ci Sei Piu'
12. 9:30 ft Johnny Marsiglia
13. Favole

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Laska”, ossia amore in lingua ceca, termine qui inteso nella sua accezione più ampia possibile. Non c’è infatti solo il sentimento (reale o potenziale) tra due persone, ma vi è pure spazio per l’amor proprio e quello verso la musica, l’indipendenza e la coerenza, tutti valori che Mecna riesce ancora una volta a mantenere paralleli e vicini, quasi sovrapposti, fottendosene dell’attuale contesto rap italico, della fama, dell’invidia e dell’ironia che talune scelte fatte possono generare (ogni riferimento al celebre spot del cornetto penta stellato è puramente volontario).

“Laska” è senza ombra di dubbio l’album della maturità e, auspico, della definitiva consacrazione: immediatamente gradevole ed orecchiabile ma intimo, riflessivo e per questo non facile da assimilare e che necessita di più passaggi per penetrare davvero in profondità. La via apparentemente più comoda, ossia rimanere fedele a se stesso ed al proprio stile, nella realtà si rivela infatti il vero azzardo per Mecna che sceglie di muoversi una volta ancora alla periferia del rap nostrano, sia per quanto concerne il sound, algido, sintetico ed a cavallo tra hip hop e nu soul, sia per le tematiche, intime, quasi cantautorali e dunque lontane decenni luce da tutti i bro’ e frà che si sentono oggigiorno.
E la scelta paga pure a ‘sto giro per un album che suona benissimo dall’inizio alla fine, grazie anche al nutrito ed eterogeneo plotone di produttori – tra gli altri troviamo beatmaker del calibro di Fid Mella, The Night Skinny e producer electro come Yakamoto Kotzuga, Iamsefie e Pasta from Amari – e ai due solitari featuring vocali, ossia Patrick Benifei dei Casino Royale in “Roar” e Johnny Marsiglia in “09:30”, altra scelta questa decisamente controcorrente e che testimonia la fotta comunicativa del rapper foggiano, urgente ed autarchica come non mai.

Concludendo, “Laska” è davvero un gran bel discone, curatissimo in ogni minimo particolare, con una produzione da urlo di Munch, fluido, sincero e libero.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=J65WsMIlH1k[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close