Menu

Recensioni

Sleater Kinney – No Cities To Love

2015 - Sub Pop
rock / alternative / indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Price Tag
2. Fangless
3, Surface Envy
4. No Cities To Love
5. A New Wave
6. No Anthems
7. Gimme Love
8. Bury Our Friends
9. Hey Darling
10. Fade

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Partirei subito con il dire che in un periodo in cui le reunion vanno tanto di moda (pure troppo!), il ritorno delle 3 riot grrrl è sicuramente e comunque un’ottima notizia, perché il gruppo di Olympia mantiene intatta ed immutata la classe nel saper creare canzoni “pop” ma energiche suonate con grinta e maestria.

Si parte subito in quarta con il rock’n’roll nervoso e teso di “Price Tag” con i classici intrecci vocali, marchio di fabbrica della band fin dagli esordi, per poi continuare con due brani meno spigolosi e “radiofonici” come “Fangless” con il suo incedere molto punk-funk e “Surface Envy”, dove voce e chitarre si incastrano alla perfezione. “No Cities To Love”, con tanto di ritornello “catchy”, è forse il brano più mainstream e melodico dell’intero lavoro ma anche l’episodio più debole di un disco che però scorre piacevolmente e senza battute d’arresto; non sono presenti né lenti né ballate inutili.
Certo mancano le sperimentazioni sonore tipiche del precedente “The Woods”, eccezion fatta per la conclusiva a tratti noiseggiante “Fade”, che si discosta un po’, ma l’idea del gruppo sembra quella di prediligere l’istintività nell’eseguire uno dopo l’altro i brani che lo compongono. E’ un disco che non aggiunge niente ad un’ottima carriera ma che conserva quegli elementi che hanno fatto apprezzare da circa vent’anni a questa parte il loro sound spesso sporco e ruvido come in “No Anthem”, ma che sa essere anche scanzonato e leggero come in “Hey Darling”.

No Cities to Love ha il pregio di riportarci indietro agli anni 90, ed anche se è passato un bel po’ d tempo, è decisamente piacevole ogni tanto sentirsi nuovamente più giovani!

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Cj2k3QsHmyM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close