Menu

Recensioni

The Flaming Lips – With A Little Help From My Fwends

2014 - Bella Union
pop / rock / psych

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band
2. With a Little Help From My Friends
3. Lucy in the Sky With Diamonds
4. Getting Better
5. Fixing A Hole
6. She's Leaving Home
7. Being for the Benefit of Mr. Kite!
8. Within You Without You
9. When I'm Sixty-Four
10. Lovely Rita
11. Good Morning Good Morning
12. Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band (Reprise)
13. A Day In The Life

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Questo piccolo pezzo di storia è andato fuori più o meno nel periodo natalizio, un piccolo regalo che la band di Wayne Coyne ha voluto farci per metterci in difficoltà in un momento cruciale della nostra vita, il Natale. State tutti più o meno tranquilli, con il senno di poi, mai e poi mai neanche il più pazzo caso da TSO della storia del gusto musicale avrebbe pensato ad un regalo del genere per una persona cara.

Il disco è una rielaborazione di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, forse il lavoro più riconoscibile e più universalmente apprezzato dell’intera discografia dei Beatles. La rielaborazione dei The Flaming Lips è stata un flop commerciale dopo essere stata un flop musicale, per la critica e per gli addetti ai lavori. Non spreco nemmeno una riga per parlare dei brani, delle rivisitazioni, perché è fuoriluogo e perché può dare una percezione errata di quello che si andrà ad ascoltare. Perché allora parlare di “With A Little Help From My Fwends” dei The Flaming Lips? Perché, come diceva uno più intelligente di Wayne Coyne, “qualcuno dovrà pur farlo”. La rivisitazione di “The Dark Side Of The Moon”, disco giustamente bistrattato da tutti, anche da quelli che vanno ancora in giro per concerti con il taccuino, aveva lasciato intendere come ormai la formula dei The Flaming Lips avesse fatto il suo tempo e che, almeno nel caso specifico, nemmeno una palla chiodata vorticante che spara guano e caramelle dal palco avrebbe salvato questa allegra brigata dell’intrattenimento.
Wayne Coyne deve essere stato fuorviato da qualcuno, forse dalla sua nuova amichetta, la pedopornopopstar Miley Cyrus, che compare sul disco nell’imbarazzante rielaborazione di “Lucy In the Sky With Diamonds” e nel brano “A Day In The Life”, o forse da sé stesso e dalla equivoca convinzione di essere ad un passo dalla beatificazione nell’olimpo della musica. Caro Wayne, se c’è un posto libero per te nell’olimpo della musica stai sicuro che è in fondo a destra, come i WC. Come hai potuto solo pensare di fare qualcosa di anche solo lontanamente giustificabile rielaborando un album come “Sgt Pepper’s…”? Era sufficiente quanto fatto con “The Dark Side…”, bastava a tutti quanti per almeno una buona cinquantina di anni. Ormai è impossibile tornare indietro e certe democratiche libertà, o “licenze”, che il mondo della musica si prende, in nome di una non meglio precisata competenza, danno il vomito e non trovano giustificazioni di sorta, perché uno si immagina la sua collezione di dischi preferiti, la sua top ten della vita e non crede, non pensa, che, magari, dall’altra parte del mondo c’è qualcuno che in cima a questa top ten piazzerebbe “With A Little Help From My Fwends”, senza sapere che un certo tipo di bellezza non appartiene ai giorni nostri ma a tempi ormai dimenticati. Non voglio più uscire di casa perché ho paura di incontrare persone così, ho paura di parlare liberamente di musica con qualcuno che conosco poco perché potrei trovarmi a dover interpretare il ruolo del diplomatico mentre quel qualcuno mi decanta le lodi per “Lovely Rita”, registrata insieme a Tegan and Sara. E sia che non sono certo questi i problemi della vita, ma non complichiamo ulteriormente qualcosa di già evidentemente complicato.

Vorrei parlare con Wayne Coyne per poterlo minacciare di brutto, per fargli capire che ci sono persone che soffrono per quanto sta facendo, ma soprattutto vorrei parlare con Wayne Coyne per fargli capire che una cosa del genere non deve provare a farla con “Pet Sounds” dei Beach Boys, potrei scatenare una Jihad per una bestemmia del genere.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=RoBTznjzfpA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close