Menu

Recensioni

España Circo Este – La Revolución Del Amor

2015 - Goodfellas
tango-punk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. La Revoluciòn Del Amor
2. Margherita Mia
3. Quelli Del Bau Bau
4. Un Paese
5. A Fuoco Lento
6. La Fame E La Sete
7. Jeki Chaki
8. Città Cannibale
9. Democràzya
10. Tutte Le Parole
11. La Revoluciòn Es L'amor

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gli España Circo Este arrivano al loro primo full lenght dopo una lunga attività e centinaia di concerti fra Italia e penisola Iberica. All’attivo c’erano solo due EP, prima di “La Revolución Del Amor”, per una band che ama definirsi “tango punk”.

Non c’è da stupirsi: proprio per la scelta stilistica compiuta, gli España Circo Este rivelano una particolare attitudine al live e al palco perché è durante un concerto che possono davvero esprimersi al meglio. Se le parole “tango” e “punk” accostate alla voce “genere” vi incuriosiscono, ma non vi danno un’idea precisa su ciò che state per ascoltare, tranquilli, è normale. A questo punto, guardate la copertina: colori vivaci, sensazioni di positività incontrollata. Ecco, la stessa ventata di buonumore proviene da un sound forse ascrivibile al mondo patchanka. La cosa straordinaria è la fusione fra le sonorità balcaniche di Goran Bregovi?, il gypsy punk dei Gogol Bordello, il folk, il reggae/dub e la musica latinoamericana. Gli España Circo Este regalano atmosfere briose, catapultano in un mondo simil-circense l’ascoltatore. Sembra un paradosso, ma i testi dicono tutt’altro: i temi trattati non sono per nulla frivoli e descrivono realtà che si pongono in netta antitesi col clima del disco.
Dalle parole forse un po’ politically uncorrect di “Democrázya” o di “Quelli del Bau Bau”, alle sofferenze della fame e della sete come in, appunto, “La Fame e la Sete”. Ma a dominare sono, inesorabilmente, quell’allegria degna del miglior Manu Chao e la verve ironica che portano a ridurre sensibilmente le distanze geografiche fra i paesi Ispanici e i Balcani. Sembra quasi banale, a questo punto, sottolineare come la forza di “La Revolución Del Amor” stia nella sua originalità, fra violini e fisarmoniche, fra chitarre e tamburi. Si tratta di un disco variopinto come la copertina, ricco come quelli di chi sa sperimentare e amalgamare una quantità infinita di generi, ma, soprattutto, intelligente come quelli di chi sa comunicare i propri pensieri e non prendersi troppo sul serio.

Cosa sono gli España Circo Este? Forse dei musicisti acrobati, dei giullari girovaghi del nuovo millennio. Ma forse è più facile dire cosa NON sono. Sta di fatto che questo è un gran bel lavoro, folle come chiunque non andasse a un loro concerto pur avendone la possibilità.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=AVRA3jn-w2Q[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close