Menu

Recensioni

Smoking Time Jazz Club – Everything Is Righteous

2015 - Autoproduzione
jazz

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Mamanita
2.While They Were Dancing Around
3.Alligator Pond Gone Dry
4.The Chant
5.Jealousy Blues
6.Rockin In Rhythm
7.River man
8.New Orleans Bump
9.Away All The Time
10.Ubangi Man
11.Black Cat Moan
12.Deep Henderson
13.I Lost My Gal From Memphis
14.Titanic Man

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Una jazz band. Al tempo stesso una street band. Perchè gli Smoking Time Jazz Club amano andare a zonzo per le strade di New Orleans, portando a spasso la loro musica ma soprattutto la loro allegria. E lasciandosi dietro di sé al loro passaggio una scia in bianco e nero che ricopre delicatamente il mondo multicolore di oggi.

Atmosfere retrò per questi nove personaggi bizzarri, più ospiti vari in ogni brano. Una patina di polvere leggera che ricopre questo luminoso disco. Gli Smoking Time Jazz Club ci riportano all’età dell’oro del jazz, sulle rive del Mississippi. Il Dixieland in chiave moderna. La musica che diventa divertimento. Con il brio dello swing e venature blues, quello della spumeggiante marching (e dancing) band americana è un jazz tradizionale che riprende alcuni famosi standard della storia del genere e li ripropone con una nuova luce. Intrecci complessi e dialoghi contorti portati avanti con un’armonia perfetta tra i vari elementi. L’anima di Sidney Bechet o di Tommy Dorsey reincarnata in una nuova forma. Su tutto troneggia la voce fresca e cristallina di Sarah Peterson, leader dell’allegra combriccola.

Dalla spensieratezza di “I Lost My Gal From Memphis” alla simpatia travolgente di “Rockin’ In Rhythm”, dai ritmi latini di “Ubangi Man” all’ironia di “Black Cat Moan”, passando per il tripudio di fiati di “While They Were Dancing Around” e la batteria lunatica di “New Orleans Bump”, “Everything Is Righteous” arriva direttamente dagli anni venti. L’Original Dixieland Jass Band contemporanea, in altre vesti.

La cura giusta per chi è giù di morale.
Buone nuove, anzi buonissime, dalla culla del jazz.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close