Menu

Recensioni

Lord Dying – Poisoned Altars

2015 - Relapse Records
sludge / metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Poisoned Altars
2. The Clearing At The End Of The path
3. A Wound Outside Of Time
4. An Open Sore
5. Offering Pain ( And Open Minded Center)
6. Suckling At The Teat Of a She-Best
7. (All Hopes Of a New Day)…Extinguished
8. Darkness Remains

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un ascoltatore prevenuto potrebbe sbagliarsi facilmente sui Lord Dying: il loro aver recentemente firmato un contratto con la Relapse, stessa etichetta dei carissimi e lerciosi Red Fang, potrebbe spingere a ritenere di essere di fronte a una tranquilla passeggiatina drink’n’roll. Beh, non esattamente.

Dopo il buon Summon the Faithless del 2013, questo nuovo lavoro ritrova il gruppo ancora più diretto e aggressivo del precedente, unendo un attacco brutale sui tempi medi a una buona creatività nei riff.
I nostri, sostanzialmente, provano a flettere i muscoli in ogni direzione concedendosi però solo 36 minuti, a tratti riuscendo a raggiungere dei risultati brillanti come in Offering Pain (and an open minded center), offrendo momenti gustosissimi come l’assolo finale di Darkness Remains.
Eppure il ricordo che si ha dell’album non è mai particolarmente splendido, come se la somma dei singoli componenti non riuscisse mai a elevare la media più di tanto. Sarebbe forse stato meglio lavorare su una maggiore compattezza del tutto, pure l’ottima produzione più di tanto non riesce a risollevarne le sorti.

E dunque così è, c’avevamo sperato ma Poisoned Altars, purtroppo, non riesce a salvarci dalla mediocrità di inizio 2015, è come se anche questa volta non fossero riusciti ad andare oltre il marchio di band promettente. Non fraintendetemi, un’ascoltata, però, gli si può sicuramente dare e anche con piacere ma difficilmente cambierete idea su di loro.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=lOjubYcJjFA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close