Menu

Recensioni

Charlatans – Modern Nature

2015 - BMG
alt-pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Talking In Tones
2. So Oh
3. Come Home Baby
4. Keep Enough
5. In The Tall Grass
6. Emilie
7. Let The Good Times Be Never Ending
8. I Need You To Know
9. Lean In
10. Trouble Understanding
11. Lot To Say

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Modern Nature è l’ultima produzione dei Charlatans, la dodicesima in venticinque anni di carriera. È un disco che si colloca in un solco temporale fortunato per la scena Madchester. Tra fine 2014 e inizio 2015, infatti, sono stati pubblicati i lavori delle due attuali band di riferimento per il genere: Charlatans, appunto, e Inspiral Carpets. Il periodo che ha preceduto Modern Nature è stato parecchio travagliato per la band.

Lo dimostra anche l’intervallo trascorso fra questa e la loro precedente produzione: mai così lungo in venticinque anni di carriera, in cui la band ha prodotto, mediamente, un disco ogni biennio. Oltre a una popolarità in calo, i Charlatans hanno perso anche il batterista Jon Brookes nel 2013. La band, però, ha saputo rialzarsi, ancora una volta.
Modern Nature è stato scritto col proposito di essere il raccoglitore di canzoni che rendessero felici Burgess e compagni, come loro stessi hanno dichiarato. Il primo approccio col disco può facilmente spiazzare: la batteria è assente, la chitarra e la tastiera producono un sound avvolgente e morbido, calmo e quasi timido. In tal senso, è necessario scavare a fondo nella storia dei Charlatans e capire il perché di determinate scelte, prima di affermare che Modern Nature sia un disco troppo radio-friendly. L’indie è sfumato di rock classico e i pezzi posseggono, tutti, una loro precisa identità. Quello della band inglese è un album che deve, necessariamente, essere ascoltato più volte e con attenzione. La pacatezza che permea tutto il disco e che a tratti regala passaggi malinconici, sottofondo ideale delle sere autunnali, è in realtà figlia del desiderio di ricominciare a trovare la pace nella semplicità, dopo mesi tremendi.

La felicità di cui parla Burgess è la voglia di tornare a fare ciò per cui ha (e hanno) sempre vissuto i Charlatans: scrivere musica. Ogni ascolto contribuisce a restituire un umore positivo e rivela ciò che, di primo acchito, non emerge immediatamente: la grande varietà dei pezzi, il punto di forza di un album che non è un capolavoro, ma che regala tre quarti d’ora di musica sicuramente piacevole.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close