Recensioni

ZiDima – Buona Sopravvivenza

2015 - Nelmionome Dischi / I Dischi Del Minollo / Rumori In Cantina Records
post-rock / noise

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Un Oceano Di Fiati Distrutti
2. Inerti, comodi e vermi
3. Trema Carne Mia Debole
4. L'autodistruzione
5. Sette Sassi
6. Yogurt
7. Saziati
8. Come Farvi Lentamente A Pezzi
9. Buona Sopravvivenza

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se ascoltiamo Buona sopravvivenza senza saperne nulla, possiamo pensare che si tratti di un disco, ingiustamente sconosciuto, che è uscito una ventina d’anni fa. Siamo nel pieno degli anni novanta, quando si fanno i conti con il cosiddetto grunge che si è spento, con le evoluzioni del noise e dell’hardcore, con l’affermarsi del post-rock
Gli ZiDima sono tutto questo, lo sono da oltre quindici anni, ma è solamente oggi che forse hanno trovato la definitiva quadratura del cerchio.

Un oceano di fiati distrutti apre l’album e segna quella che è l’aspetto più riuscito di questo lavoro: testi ricercati e importanti, figli di una rielaborata eredità ferrettiana, tempi dilatati ed esplosioni al momento giusto, con una perfetta alternanza forte-piano. Qualcosa dei primi Marlene, e molto dei Fluxus, soprattutto nel cantato.
I brani più riusciti sono quelli nei quali gli ZiDima riescono ad avere più spazio per mostrare la propria impronta – Un oceano di fiati distrutti, come detto, ma anche Trema carne mia debole e Sette sassi– con un’abile gestione della tensione, modulando dilatazioni e fragori, melodia e scariche elettriche, sussurri e urla.
Funziona anche il cantato/recitato un po’ à la Clementi di Come farvi lentamente a pezzi; funziona, a mo’ di stacco, la scelta una voce femminile in Saziati; ed è un giusto epilogo un brano totalmente strumentale come la titletrack (richiami ai Mogwai più inquieti).
A convincere un po’ meno sono i brani più compressi, più brevi e con meno spazio per far emergere la propria cifra. A volte viene in soccorso l’efficacia dei testi (Inerti, comodi e vermi), mentre L’autodistruzione suona un po’ debole, troppo connotata: scivola via senza lasciare il segno.

Buona sopravvivenza suona familiare, senza essere già sentito, ha il coraggio di porsi fuori dalle mode del momento (nel bene e nel male) e di farsi carico in chiave del tutto personale un passato vissuto, metabolizzato e reinterpretato.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi