Recensioni

Meg – Imperfezione

2015 - Bluluz
pop / elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Concerto per
2.Il confine tra me e te
3.Imperfezione
4.Occhi d'oro
5.Illumina la notte
6.Skaters
7.Parentesi
8.Promemoria
9.Estate

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Tre dischi in undici anni. Già questo dato dovrebbe dire qualcosa riguardo l’atipicità di Meg, artista che le cose le fa quando le sente e dunque, si potrebbe dire, artista vera. Il suo esordio negli anni ’90 al fianco dei 99 Posse è ben noto; un esordio che in modo naturale, come un battito d’ali, ha portato la musicista napoletana verso una carriera solista che l’ha premiata fin da subito, innalzandola a “principessa” della musica alternativa italiana. Il mix vincente di Elettronica e Pop, modernità e tradizione, atmosfere ipnotiche e uno stile canoro riconoscibile come un incisione a fuoco, è presente anche in “Imperfezione”, terzo raffinato lavoro in cui Meg si offre prima di tutto come se stessa.

In questi otto brani emerge un approccio forse maggiormente gioioso e luminoso rispetto alle dance-inquietudini del passato. Meg sembra prima di tutto divertirsi, facendo trasparire la leggerezza e la consapevolezza di un’artista che non vuole diventare una “figa da classifica”, fare il giudice ad un talent o vincere Sanremo, ma solo fare la propria musica. Una musica che, rispettando il conept del disco, è imperfetta in quanto vera; imperfetta come un fiore di campo, come un naso acquilino o come un gatto di strada. L’idea è proprio quella di non avere paura dell’imperfezione, ma anzi di cercare la bellezza insita in essa.

L’inizio in stile Urban jungle di “Concerto per”  – “Il confine tra me  e te” è la partenza perfetta: frizzante e ritmata, si erge a manifesto della nuova Meg. Segue poi la bellissima titletrack, dai suoni più tipicamente algidi e minimal e con un ritornello (quasi anti-melodico) che fa della ripetizione la sua forza. Un chorus più orecchiabile lo si trova invece, subito dopo, in “Occhi d’oro”, che riesce a trattare il banalissimo tema del “Dove c’è amore c’è casa” in modo per niente banale. Questa capacità di rendere sofisticato il quotidiano è in effetti la capacità più sorprendente di Meg, che sa portarci in galassie lontane senza nemmeno uno straccio di astronave: basta rimanere immobili e chiudere gli occhi.
Districandosi tra i suoni lunari di queste canzoni, in un equilibrio precario tra lento e veloce, paralisi sonore e ritmi inaspettati, si arriva con dolcezza e armonia alla riuscitissima reinterpretazione di “Estate”, successo del 1960 di Bruno Martino, proposto qui in chiave “Megghiana”.

Si chiude così “Imperfezione”, un disco curato e raffinato che ci racconta del ritorno di una Meg ancora ispirata e appasionata, con quel tocco di amore in più verso le proprie impefezioni che, infondo, sono quelle di tutti noi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi