Recensioni

Amycanbe – Wolf

2015 - Open Productions
alt/dream/pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Grano
2.I Pay
3.Wherefrom
4.Fighting
5.5 Is The Number
6.Wolves
7.White Slide
8.Bring Back The Grace
9.Febbraio
10.Queens
11.Orata

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Per la serie “Non sembrano italiani”, ecco a voi gli Amycanbe! Quest’ottimo gruppo romagnolo, attivo ormai da un decennio, giunge oggi al terzo album dal titolo “Wolf”, un disco che si caratterizza subito per la sua irresistibile dolce malinconia, confezionato con passione ed una raffinatezza esterofila, come se Cervia fosse improvvisamente New York.

La loro è una riuscitissima unione tra Dream Pop, Post-rock e Soul, resa principalmente dalla bellissima voce di Francesca Amati: lieve, vaporosa, delicata, ma comunque capace di incidere e turbare gli animi.
Ci sono poi le chitarre e i loro suggestivi effetti e l’imprescindibile elettronica, utilizzata in maniera coscienziosa ma vivace, in un percorso che va dalla maggior parte delle batterie a sottofondi ambientali e melodie sintetiche. É indispensabile evidenziare il fatto che le canzoni sono tutte irrimediabilmente belle e prive di quell’effetto soporifero attribuibile a dischi che, come questo, prediligono ritmi lenti e atmosfere evocative.
Questo perchè ogni brano ha una sua propria identità e, pur nel rintracciabile senso di compattezza generale, si può vedere “Wolf” come un contenitore di sfumature e influenze diverse.
Da questo spiccano perle rare come l’iniziale “Grano”, la successiva “I Pay” e poi “Bring Back The Grace” (personalmente la migliore del disco) e “Queens”; tutti pezzi pronti a diventare soundtrack di film drammatici, serie tv strappalacrime e pubblicità emozionali, come d’altronde è già successo nel 2012 per la bellissima “Everywhere”, presente in Acciao di Stefano Mordini. Prima di tutto però, queste canzoni saranno la colonna sonora delle nostre giornate e di questa nuova ed ennesima estate che avanza.

D’altronde un viaggio in treno con “Wolf” nell’Ipod, magari immersi nella romantica malinconia di una natura silenziosa, si preannuncia un esperienza imperdibile. Buon viaggio a tutti quindi, che sia fisico o mentale: gli Amycanbe sapranno accompagnarci in luoghi lontani.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi