Recensioni

We Are Waves – Promises

2015 - Meatbeat Records
new wave / electro

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. 1982
2. Promises
3. Be Your Own Island
4. Lovers Loners Losers
5. Monochrome
6. Silent Lullaby
7. Wreckage
8. Children Lake
9. Wasted
10. Midnight Ride
11. What Happened Today is Useless

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Atmosfere e suoni anni ’80, prese a piene mani sia dal filone più tipicamente new wave che da quello profusamente elettronico. Un’ottima capacità di reinterpretare suoni che sono rimasti nell’orecchio comune per riproporre un disco che ammicca e rimanda senza mai dare l’impressione di essere finiti a ricalcare musiche già proposte.

Certo, se non si è particolarmente intenzionati a rievocare i temi di quel periodo forse è meglio non iniziare nemmeno, questo sia chiaro. In caso contrario vale davvero la pena, alternano un’elettronica più prepotente al dominio incontrastato degli altri strumenti, con la voce sempre padrona della scena che conduce e porta indietro le orecchie di trent’anni almeno.

Partono subito abbastanza forte con 1982 e non hanno paura di alzare il ritmo per la prima metà dell’album, Monochrome è elettronica pura alla quale non si può far mancare nulla. Poi si schiacciano su Silent Lullaby, ballata troppo struggente per essere incisiva, che sfigura palesemente nel contesto in cui è inserita.
Andando verso la fine ancora si incastrano nella malinconia con Children Lake, che segue il synth-pop abbastanza  puro di Wreackage, e chiudono con What Happened Today is Useless, impregnata di tristezza ma mai spenta in se stessa.

Grandi pezzi che riescono davvero a rievocare un’atmosfera molto lontana, portando spunti presi da classici intramontabili ad una seconda e meritata vita. Un suonato di sicura qualità, che si infossa però in qualche punto mentre cercano di spingersi troppo nell’intimismo e in quella difficile sopportazione dell’esistenza che ha caratterizzato il periodo che prendono come riferimento: forse è più conveniente mantenere un ritmo abbastanza elevato, a scapito dell’ecletticità ma con un occhio puntato verso il coinvolgimento dell’orecchio.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi