Recensioni

Kammarheit – The Nest

2015 - Cyclic Law
dark ambient

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Borgafjäll
2.Unsealed
3.Lower Halls
4.The Howl
5.Sphaerula
6.Hypogaeum
7.The Nest
8.Sung In Secret
9.Aeon

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Pär Boström è un ragazzo che viene dalla Svezia e che nei primi anni del nuovo millennio ha dato vita ad un progetto chiamato Kammarheit. Sono anni molto fertili, durante i quali vengono registrate alcune canzoni che sembrano far invidia a progetti dark ambient più storici come Lustmord o Raison d’être. I lavori di Pär Boström sono pesanti, difficili da assimilare ed estremamente isolazionistici. Rimandano a pensieri e vibrazioni che si alimentano e crescono sotto la scorza più dura dell’anima. Se Asleep And Well Hidden è solo l’inizio, il vero piatto forte giunge nel 2005 con The Starwheel. Il sempre più forte interesse verso questo progetto spinge la canadese Cyclic Law a produrre nel 2015 cinque dischi tutti registrati dal progetto Kammarheit tra il 2000 e il 2002 e mai venuti alla luce prima d’ora. È una raccolta forte e inossidabile che fa da apripista al nuovo disco The Nest.

The Nest segna un percorso nuovo per Pär Boström, che apre sempre di più alle basse frequenze, al rumore e ad un mondo minimale. Il progetto, invece di semplificarsi, diventa sempre più contorto e ossessivo. Va ascoltato numerose volte, va assimilato. Gli inserti ambientali\oscuri, che spesso contraddistinguono il genere, vengono qui limitati a favore di micro-mutamenti della struttura sonora che fanno sembrare The Nest un grande puzzle musicale. Le coordinate sonore possono sembrare quelle del progetto Vidna Obmana con la raccolta Memories Compiled, con i recenti esperimenti dell’entità Cities Last Broadcast o con la collaborazione con i Phelios di Martin Stürtzer.

Il disco si apre con Borgafjäll, una piccola intro che gela le gambe anche con 30 gradi all’ombra. La fame d’aria cresce, un piccolo silenzio e poi l’epicità e la potenza di Unsealed. Superata la prima parte e i primi rumori, un buio progressivo e violento divora tutto come in Die unendliche Geschichte. Inghiottiti mentre il nulla si fa avanti. Lower Halls invece è una riunione condominiale di fantasmi in un edificio dismesso. In Sung In Secret ci sono le confessioni segrete di un vecchio generatore di corrente che non ne vuole sapere di partire. The Nest, Sphaerula o la bellissima Aeon sono infine la somma di tutto ciò fin qui espresso, ma sapientemente racchiuso in singole canzoni.

Il disco finisce e per l’ennesima volta rimane una fame ossessiva di musica, di volerne sentire e sapere di più. Allora il disco riparte da capo fin quando rimane un briciolo di volontà. “La necessità non é uno stato di fatto, ma un’interpretazione”. Interpretazione che noi diamo, ascolto dopo ascolto, plasmando questo lavoro del progetto Kammarheit. Se vi è piaciuto The Nest vi consigliamo anche il disco Ominousium di Kave, uscito sempre per la canadese Cyclic Law.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi