Recensioni

Stash Raiders – Apocalyptipop

2015 - Hopeful Monsters Records
Psychedelic Pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Kermit
2.The Mammoth Song (Baby I Wanna Tell You)
3.Cairo
4.He’s a Fisherman He’s a Chef
5.Talisman
6.Me, You and Everybody Knows
7.Business Call
8.Without Space and Time
9.Fish Porn

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Giugno 2015 vede l’esordio di questo sestetto catanese, che si presenta al grande pubblico con nove tracce – registrate e mixate dalla stessa band – pubblicate attraverso la neonata etichetta Hopeful Monsters Record, anche questa di Catania.

In questa “apocalisse pop” le voci di Sacha Tilotta e Francesca Giunta si incontrano e si scontrano in un’elica dissonante, incastonandosi alla perfezione in quell’atmosfera psichedelica che, insieme a una vena alternative, contraddistingue il pop leggero della band. In canzoni come “Kermit”, “The Mammoth Song (Baby I Wanna Tell You)” e “Without Space and Time” i due cantanti evocano le atmosfere di gruppi punk jazz (sì, avete letto bene) come The Taxpayers (una su tutte, “I Love You Like An Alcoholic”).
La grande varietà di strumenti impiegati (organi, violini, sitar, chitarre oniriche, percussioni) e arrangiati con cognizione di causa, crea una “colonna sonora”  (o “impianto sonoro”, se preferite) piuttosto solida che conferisce personalità all’opera nel suo complesso. Il lato psichedelico dell’album convince e proprio per questo chiama per qualcosa di migliore.

In poche parole, una buona prova per un genere non facile da comporre che meriterebbe dai membri del gruppo uno studio approfondito per future produzioni più mature.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi