Recensioni

Mac DeMarco – Another One

2015 - Captured Tracks
indie / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.The Way You'd Love Her
2.Another One
3.No Other Heart
4.Just To Put Me Down
5.A Heart Like Hers
6.I've Been Waiting For Her
7.Without Me
8.My House By The Water

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non è solamente un ep il nuovo lavoro di Mac DeMarco, Another One, inciso durante le varie pause casalinghe dal tour di Salad Days, uscito l’anno scorso.

L’artista canadese conserva un animo fuori dalla righe che non gli preclude, sicuramente, morbidezza e sentimentalismo, ma gli permette di creare otto tracce, definite dallo stesso artista d’amore e di riflessione. Sette canzoni e il breve e acquatico strumentale My House By The Water, in cui le sonorità sono calde, rilassate e classiche come non mai.
Another One sembra nato direttamente da una costola del precedente Salad Days e ne troviamo subite le analogie in The Way You’d Love Her, una ballad indie, e alcuni tratti in No Other Heart. Ma se ne riesce anche a distaccare, soprattutto nella ricerca compositiva ch’è frutto di sessioni di piano e tastiere.
DeMarco, infatti, si è divertito a spiegare il piacere che ha avuto nell’abbandonarsi nelle sequenze di piano e tastiere da lui composte. Trovando similarità e affinità con alcune sequenze di piano ideate da John Lennon.
Il disco inoltre presenta delle novità anche dal punto di vista chitarristico, inserendo delle sonorità vintage, pulite e riverberate, che ricordano lo stile e il tocco di Robbie Robertson, chitarrista dei The Band.
Ritornando alla tracklist che compone l’album, non sono meno degni di nota brani come Another One, un intreccio di corde fluide e tasti soul pop. Il trittico, I’ve Been Waiting For Her, No Other Heart e A Heart Like Hers, dedicato al suo grande amore, la compagna Kiera alias kiki. Per concludersi con la già citata My House By The Water, una registrazione di sonorità aquatiche che termina con la voce dell’artista che ci narra del luogo e della sua necessità di bere due caffè al termine di quella registrazione.

Un mini-album ben scritto e ben strutturato dove DeMarco non perde la brillante vena creativa e si dimostra ancora una volta coerente con la sua produzione artistica.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi