Recensioni

Ben Bridwell / Iron & Wine – Sing Into My Mouth

2015 - Caroline
folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.This must be the place (Talking Heads)
2.Done this one before (Ronnie Lane)
3.Anyday woman (Bonnie Raitt)
4.You know me more than I know (John Cale)
5.Bullet proof soul (Sade)
6.No way out of here (Unicorn)
7.God knows (you gotta give to get) (El Perro Del Mar)
8.The straight and narrow (Spiritualized)
9.Magnolia (JJ Cale)
10.Am I a good man (Them Two)
11.Ab’s song (Marshall Tucker Band)
12.Coyote, my little brother (Pete Seeger)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Spigoloso e raffinato allo stesso tempo il disco di Iron & Wine e Ben Bridwell (il chitarrista e cantante dei Band of Horses) offre uno spaccato rurale e musicale della musica americana.

Le atmosfere calde e folk di This Must be the Place e Any day Woman disegnano uno scenario misterioso fatto di cadenze indie rock tanto care alla Band of Horses e suffragi post-blues che fanno pensare alle desertiche strade della California anni settanta.
Sì, una California molto neo hippie accompagnata da un ‘estetica cantautorale molto convincente (Coyote my little Brother) con chiaro riferimento alla cultura on the road fatto di terre aspre e selvagge. In un solo gesto i due autori hanno realizzato un “quasi” capolavoro del genere, con armonie acustiche di derivazione slow, morbide melodie che hanno il gusto dei motel sulla Route 66 con i letti sfatti e le lenzuola ancora calde per averci passato la notte con la propria compagna/donna di turno!

Sulle tracce di Neil Young e i Wilco il due ci revelano una sorpresa musicale davvero gustosa mantenendo alta l’allegria folk e di una cena intorno al fuoco.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi