DANIELE CELONA: “ATLANTIDE” il nuovo video con LEVANTE

DanieleCelona_Levante_foto1web

Torna Daniele Celona con “Atlantide”, il nuovo singolo e video tratto da Amantide Atlantide, il secondo disco del cantautore torinese uscito il 3 febbraio 2015 per NøeveRecords e Sony Music.

Dopo essere stato candidato al Premio Tenco 2015 per la canzone di apertura del disco, Amantide, e reduce dalla vittoria ad Anacapri del Premio Lauzi come Miglior Testo, Daniele Celona ha scelto “Atlantide” come nuovo singolo tratto da “Amantide Atlantide”, ennesimo lato di un disco bellissimo e complesso, in cui la storia e la voce di Daniele Celona si intrecciano alla perfezione con l’interpretazione di Levante per dar vita ad una canzone riconosciuta come la perla preziosa del disco.

Daniele ci racconta così come nascono la canzone Atlantide ed il suo video:

“Amo nascondermi, fuggire dall’autobiografia. Con Atlantide è stato semplicemente impossibile. Cantare e registrare questo brano non da solo, con una persona a me cara, mi ha aiutato a prenderne le distanze, a renderlo un racconto, una storia come tante e non uno spaccato di vita.

Lo stesso è stato per il video. Che narra un’altra storia ancora, lontana dal mio modo d’essere. Una storia fatta di realtà e fantasia che si intrecciano, autoterapia in bilico tra mancanza di rassegnazione e lucida follia.

Forse non c’è un modo non banale di raccontare l’abbandono e l’oblio, di descrivere sensazioni vecchie quanto il mondo, neanche quando il mondo che crolla è il tuo”.

I giovani registi Paolo Bertino e Gabriele Ottino hanno liberamente interpretato il testo di Celona, immaginando un personaggio intento a ricreare con disegni e proiezioni una quotidianità ormai perduta, fatta di complicità e sorrisi. Forse un tentativo per rivivere le stesse sensazioni, forse un ultimo e bizzarro saluto a un passato che non può tornare.

Atlantide è un mondo che non esiste più.
È una mano invisibile che entra nel petto e stringe con forza tutto quello che trova.
È la favola della falena, che si credeva una fenice e ballava felice vicino alle fiamme.
È un incendio di fuochi d’artificio caduti troppo in fretta al suolo.
È la fine di un’Estate, è la fine di un sogno, è la fine di un disco.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi