J:R:F ’15: Dj Premier al fianco di Moodymann e Theo Parrish il 5 dicembre

852
Giunto alla sua ottava edizione il Jazz:Re:Found si sposta da Vercelli a Torino e dà vita ad un festival pronto ad uscire dai canoni più battuti e prevedibili per lasciarsi contaminare dalla musica. E se le radici sono chiaramente all’insegna della musica black “storica”, le declinazioni sono sempre e da sempre aperte verso l’ipercontemporaneità, i dancefloor, l’hip hop, le suggestioni house e techno, l’afrofuturismo digitale, le derive urbane più taglienti.
Dopo avere annunciato i primi nomi che calcheranno i palchi di questa edizione, ecco nel dettaglio la lineup del 5 dicembre – preceduta dal live pomeridiano di Thundercat presso la Scuola Holden – e l’annuncio di un nuovo nome: Dj Premier.

5 Dicembre: Dj Premier è il nuovo nome

Un viaggio assolutamente senza precedenti in Italia, una meravigliosa odissea nella musica black: questo è il regalo di Jazz:Re:Found a Torino per la sua prima edizione nella metropoli sabauda, la sera del 5 dicembre. Una line up unica, inedita, sensazionale, che porta insieme nella stessa sera tre campioni assoluti negli spazi del Q35 in Via Quittengo e che, soprattutto, cerca uno speciale approccio nel “raccontare” la musica (e nel voler costruire una notte indimenticabile): mondi infatti in apparenza distanti, quelli hip hop e house/techno, si ritrovano per una notte fianco e fianco e lo fanno grazie a tre campioni assoluti come Dj Premier, Moodymann e Theo Parrish. Con loro, con la loro classe, i fili hanno tutto il modo di riannodarsi.

Anzi: è necessario che si riannodino. Troppo spesso infatti sull’enfasi della moda o del suono del momento, o per costruzioni sovrastrutturali di mercato, alcuni principi fondamentali si perdono, si confondono. C’è un fortissimo fil rouge che collega l’hip hop essenziale e “definitivo” di Premier (infarcito di campionamenti jazz e di funk scarnificato) con la house sordida e piena di soul di Moodymann e il visionario eclettismo dal rare groove alla techno di Theo Parrish: è blackness in musica allo stato puro in tutt’e tre i casi, al cento per cento. Con magari declinazioni diverse ma la radice, la meravigliosa radice storica, è la stessa. Come troppo spesso si tende a dimenticare, ipnotizzati dalla forza arrogante di certo hip hop mainstream o dall’euforia da clubbing meno consapevole e più superficiale. La musica è un’esperienza che va vissuta va a fondo: va ascoltata, ballata, compresa, va amata anche per l’enorme spessore storico a cui dà vita giorno dopo giorno, passo dopo passo.

Ecco allora la volontà di una serata speciale, una serata che lasci il segno, ponendo per la prima volta nella stessa notte sullo stesso palco tre artisti eccezionali – tre artisti scelti non solo per la loro fama se presa singolarmente ma anche e soprattutto per la “verità” in musica che possono, tutti assieme, raccontare. Dj Premier, Moodaymann, Theo Parrish: stesso festival, stesso stage, stessa lunghissima notte. I piccoli prodigi di Jazz:Re:Found.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi