Recensioni

Clutch – Psychic Warfare

2015 - Weathermarker Music
psych / stoner

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. The Affidavit
02. X-Ray Visions
03. Firebirds
04. A Quick Death In Texas
05. Sucker For The Witch
06. Your Love Is Incarceration
07. Doom Saloon
08. Our Lady Of Electric Light
09. Noble Savage Clutch
10. Behold The Colossus
11. Decapitation Blues
12. Son Of Virginia

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ridendo (ben poco) e scherzando (molto più di quanto si creda) i Clutch con “Psychic Warfare” arrivano al loro undicesimo disco, e lo fanno senza perdere un’oncia di lerciume e voglia di bastonare in allegria l’ascoltatore ormai non più ignaro.

Forieri dello psych rock più lisergico all’inizio, mentori di roboanti sferzate (very very) hard stoner da metà duemila in poi si presentano nel 2015 con un sontuoso ritorno alle origini. Non le PROPRIE origini bensì quelle del genere in cui sguazzano dal 1993. Un percorso iniziato, in qualche modo, già dal pesantissimo “Blast Tyrant” del 2004 ma che ora trova piena luce in queste dodici deflagrazioni sonore. Ci troviamo dunque ad avere a che fare con sberloni rock’n’roll tiratissimi (la tagliente “X-Ray Vision” in cui l’istrionica lingua di Neil Fallon ci dona il racconto di un soldato dormiente il cui compito viene interrotto in qualche modo dai coniugi Reagan, la rocciosa e sleazy “Firebirds” o l’ancor più stronza “Sucker For The Witch”), blues roventi e coperti dalla polvere del deserto (la violenza in tempi medi di “A Quick Death In Texas”, il classico clutchianesimo di “Decapitation Blues”), bollenti infilate funk (splendida la fuzzante danza di “Your Love Is Incarceration”), allucinanti cavalcate di pressante e compresso stoner-rock (il racconto epico di “Behold The Colossus” ci parla di ciclopi, gargoyles, e mostri di varia altra natura) fino a viaggi lisergici degni del miglior Jerry Garcia (i sette minuti di visioni, storia e cemento di “Son Of Virginia”).

Ecco, forse i quattro del Maryland non ci danno dentro come nel precedente “Earth Rocker”, ma rimangono incazzati a sufficienza per bruciare ancora un po’ di strada al loro passaggio perché, più che psichica, questa guerra sembra proprio più che reale.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi