Recensioni

Doc Brown – A Piedi Nudi

2015 - Autoproduzione
pop / indie-rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ancora Fame
2. A Piedi Nudi
3. L'uomo Sbagliato
4. Come Perderci

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un EP di quattro brani a quattro anni di distanza dalla prima release: A Piedi Nudi è il ritorno dei quattro lombardi Doc Brown.

L’indie-pop può sembrare un controsenso tale da far gridare allo scandalo chiunque non conosca bene (o fa finta di non conoscere) cosa è successo in UK tra il 2005 e il 2010 ed i suoi evidenti strascichi. I Doc Brown ci donano un bel mix di musica a tratti danzereccia e un po’ bipolare (l’italiano cambia tutto: provate ad immaginare i brani in inglese e avete roba che i Vampire Weekend ormai si sognano). Eppure la forza di questo EP è proprio la duttilità: la band potrebbe benissimo suonare in un ambiente super-hipster ma anche sbancare roccaforti come Sanremo, vendere migliaia di copie e – dopo quel disco – tornare a fare quello che vogliono senza aver perso dignità ma guadagnandoci in qualità e visibilità verso altri tipi di pubblico, come già successo a tante grandi band prima di loro.

Tutti e quattro i brani calzano a pennello con questa descrizione: già dalle prime note della prima traccia “Ancora Fame” sappiamo dove si va a parare e la scelta della scaletta è parecchio azzeccata. Tra le chitarrine, il basso ultra-groovy, le percussioni un po’ tropical, i coretti riverberati dell’autoaccusatoria “L’uomo Sbagliato” troviamo la title track “A Piedi Nudi”: la testa pensa ancora all’American Dream quando invece la composizione musicale sta proprio con quei piedi senza scarpe ben piantati nell’Essex. Infine, belle anche le illustrazioni che accompagnano il cd (che sembrano quasi essere tirate fuori dalla matita del britannico Boneface).

Nel disco si notano le similarità che la stessa band dichiara di aver trovato (Phoenix, Bombay Bycicle Club) ma c’è anche qualcosa degli ultimi Perturbazione, non tanto nello stile musicale quanto nell’atteggiamento open-minded.

Il pop vero, fatto bene è bello e, in questo caso più che mai, è bello anche andarne fieri.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi