Interviste

Intervista ai MATERIANERA

materianera

Abbiamo intervistato i Materianera, gruppo stravagante ed eterogeneo formato dalla cantante Yendry Fiorentino, dal produttore e musicista Davide “Enphy” Cuccu e dal produttore e dj Alain Diamond.

Arrivate da panorami musicali diversi: come nasce e perché il progetto Materianera?
Io (sta parlando Alain) e Davide abbiamo studiato insieme al Conservatorio di Torino e siamo quindi legati da un’ amicizia  ventennale. Abbiamo sempre collaborato ma non abbiamo mai avuto un progetto musicale comune in quanto Davide è sempre stato impegnato in diversi progetti (BlueBeaters e Soulful Orchestra per citarne alcuni) mentre io  mi sono spesso esibito come DJ e ho lavorando in studio come produttore techno- dance. Il mio percorso è culminato nella creazione di due label indipendenti: Enharmonic digital e Tainted music, quest’ultima è l’etichetta che pubblicherà “Supernova”. Yendry invece, dopo l’esperienza a X Factor, ha continuato il suo percorso personale e gli studi universitari, durante i quali ha conosciuto mio fratello, che non ha perso tempo ad invitarla in studio ..

“Materianera”: ossia? Cosa significa?
Materianera ovvero materia oscura; il termine con il quale, in cosmologia, si definisce l’ ipotetica componente di materia che non è direttamente osservabile e che si pensa costituisca la grandissima parte, quasi il 90% della massa presente nell’ universo. Siamo attratti dalle stelle, dai pianeti e dal cosmo in generale ..

Come definireste con una parola il genere che fate?
Elettronica

Quali sono gli artisti a cui vi ispirate?
Da quando ci siamo conosciuti ci siamo contaminati a vicenda e abbiamo ascoltato insieme diversi artisti.. Jamie XX , Bonobo, Son Lux, Chet Faker, Disclosure, Frank Ocean, The Weeknd..ma anche molti artisti della scena elettronica indipendente.

Rivelateci qualcosa sull’EP di prossima uscita: come sarà? Cosa dobbiamo aspettarci?
L’Ep, che uscirà a dicembre e si chiamerà “Supernova”, nasce da un bisogno di esprimere e condividere ciò che abbiamo creato insieme in studio. L’obiettivo è quello di suonare la musica che ci piace… e farla ascoltare a più persone possibile. Supernova si compone di sette tracce: una intro, quattro brani inediti, un remix e un outro. Sonorità elettroniche che strizzano l’occhio all’universo black e si mischiano a synth analogici e drum machine.
Stiamo inoltre lavorando sul nostro live. Stiamo organizzando una data evento a Torino per presentare il disco alla quale ne seguiranno altre in alcune città italiane.

Dopo l’EP è prevista la pubblicazione di un LP?
Al momento ci stiamo concentrando sulla promozione dell’ Ep ; sicuramente seguirà un secondo disco magari proprio un LP ma prima di pensare al prossimo disco vogliamo mantenere la concentrazione su Supernova.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati