Recensioni

I Carnival – Se Non Mi Tengo Volo

2015 -
rock / alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Pornovisione Cult
2.Furia fuggitiva
3.Ora che non ho più te
4.Cinema Paradiso
5.La Psiche Inversa
6.Tutti i Vizi Che Ho
7.RollingStronz
8.Triangolo Shock
9.E Me Ne Sbatto Il Cazzo

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Leonardo Lombardi (voce), Roberto Benacci (chitarra), Milo Manera (basso) e Leonardo Pierri (batteria), sono I Carnival: un vero concentrato di energia rock allo stato puro.

Dopo la pubblicazione del loro album d’esordio “Superstellar”, la vittoria ad “Arezzo Wave Best Band Liguria 2014” e numerosi live, durante i quali sono stati affiancati da artisti del calibro di Raphael Gualazzi e Pierpaolo Capovilla (Il Teatro degli Orrori), solo per citarne alcuni, i musicisti della band ligure tornano ora con un nuovo e grintoso album.

Se il precedente lavoro “Superstellar” era potuto sembrare un po’ piatto e monotono, soprattutto a causa della semplicità della struttura musicale e di una dinamica vocale abbastanza ripetitiva, i quattro ragazzi si rifanno alla grande con il nuovo album “Se non mi Tengo Volo” (uscito il 23 novembre per l’etichetta La Clinica Dischi).
Ci sorprendono, regalandoci un disco nel quale la chitarra elettrica, la batteria ed il basso si uniscono dando forma ad un mix esplosivo, che travolge l’ascoltatore e lo tiene in scacco dalla prima all’ultima nota.

L’intera opera presenta caratteristiche molto interessanti per quanto riguarda l’aspetto ritmico, melodico ed anche vocale. Rispetto a “Superstellar”, “Se non mi tengo volo” è sicuramente caratterizzato da una maggiore dinamicità musicale.
Le chitarre, calme e di puro accompagnamento alla voce nel precedente lavoro, ora diventano maggiormente incisive; graffianti e, affiancate da una batteria potente, dominano per tutta la durata dell’album con la loro innata grinta rock.
La voce di Leonardo Elle ha un timbro particolare e prettamente pop ma che ben si presta alle sonorità indie rock de I Carnival. E’ una voce che immagineresti cantare brani romantici e strappalacrime, forse per alcune similitudini con il timbro di Francesco Sarcina (Le Vibrazioni), ma che si trova invece a raccontarci storie decisamente diverse.
Accantonate le atmosfere più cupe ed introspettive della passata fatica discografica, I Carnival si dedicano ora all’analisi critica della realtà che li circonda e lo fanno in modo estremamente diretto e senza filtri.
Il filo conduttore dell’intero album sono il bisogno di libertà e la necessità di rincorrere sempre i propri sogni, per raggiungere quella felicità che spesso sembra essere troppo lontana..
“Se non mi tengo volo” ci esorta a cogliere l’attimo per buttarci sul treno diretto verso la realizzazione dei nostri desideri, anche fregandocene dei limiti e delle regole troppo rigide e prestabilite della società in cui viviamo, soprattutto per evitare di ritrovarci, in futuro, faccia a faccia con i nostri rimpianti.
Le liriche de I Carnival sono di una semplicità ed immediatezza quasi disarmanti ed esprimono in modo chiaro, diretto e sfrontato la realtà, senza scadere nella più semplice e banale volgarità.

“Se non mi tengo volo” è composto da 9 brani tutti ugualmente movimentati, carichi ed energici, ricchi di ritornelli che ti si inchiodano nella testa e che non riesci più a smettere di canticchiare.

Chiari esempi sono i brani “Tutti i vizi che ho” e “Pornovisione Cult” (primo singolo estratto dall’album). Quest’ultimo è caratterizzato da una struttura musicale scorrevole, dominata da una frizzante e trascinante chitarra elettrica e dalla voce di Leonardo che ci parla, con leggerezza ed ironia, di un uomo che si prende un briciolo di tempo per sé stesso, rubandolo alla stressante e monotona vita quotidiana.
Trovo vincente la scelta della band di cantare in italiano, senza sforzarsi di stravolgere la propria natura scimmiottando rock band britanniche o d’oltreoceano.
L’utilizzo della lingua italiana rende ancora più chiaro e fruibile il messaggio che la band intende trasmettere con “Se non mi tengo volo”

Un disco molto piacevole per una rock band nostrana decisamente interessante, promettente e ricca di potenzialità.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi