Recensioni

Kauan – Sorni Nai

2015 - Blood Music
post-rock / black

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1. Akva
    2. Kit
    3. Khurum
    4. Nila
    5. At
    6. Khot
    7. Sat

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sorni Nai, nuovo disco del progetto Kauan, è disponibile per il momento solamente in digitale e con pagamento a libera offerta poiché l’edizione in vinile si è esaurita in brevissimo tempo. Analizzando il lavoro dall’anello più esterno bisogna evidenziare come tutte le sette tracce del disco rappresentano un concept sull’incidente avvenuto in Russia nel passo di Djatlov dove morirono, nel 1959, nove persone. Caso rimasto ancora irrisolto e che ha alimentato nel corso dei decenni teorie, libri e produzioni cinematografiche.

L’artwork monocromatico e drammatico risulta efficace e sembra direttamente provenire da qualche reportage di Frank Hurley sulla spedizione antartica del 1915. Musicalmente si potrebbero suddividere le influenze, che si respirano in questo disco, in due filoni. Il primo riguarda il post-rock e rimanda al disco omonimo dei God Is An Astronaut o al più recente Les Revenants dei Mogwai. Abbinato, fuso e contrapposto a ciò un filone post-black metal che ricorda, per l’uso della voce e della varietà sonora, il disco Bergtatt degli Ulver. Certe tracce, rimandano anche ad un panorama folk-apocalittico dove in molti potranno trovare una proiezione per immagini legata a The Mantle degli Agalloch. Infine, il cuore pulsante, nero e rabbioso dei Ved Buens Ende di Written In Waters. Il disco oltre a tutti questi riferimenti nobili risulta tra le migliori produzione del 2015 per compattezza, varietà e qualità del suono. Le tracce si fanno ascoltare in modo piacevole e le sperimentazioni non risultano mai troppo ostiche. La varietà delle situazioni non crea crepe di discontinuità ma spinge l’ascoltatore ad andare oltre. Pare di vedere una serie televisiva dove ogni canzone corrisponde ad una puntata. Sul finire di ogni episodio, un evento imprevisto, spinge ad andare oltre, a non smettere di alimentare un’alchimia che si crea tra l’utente e il prodotto artistico.

Il progetto Kauan, in combutta con la Blood Music, è riuscito a realizzare una delle migliori uscite musicali dell’anno passato. Sorni Nai è un album vivido e assordante dove le atmosfere raffinate e spaziali del post rock si fondono alla disperazione e alle nuove interpretazioni del black metal.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi