Recensioni

Future – Purple Reign

2016 - Freebandz
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Purple Reign Intro
02. All Right
03. Wicked
04. Never Forget
05. Drippin (How U Luv Dat)
06. Inside the Mattress
07. Hater Shit
08. Salute
09. Bye Bye
10. No Charge
11. Run Up
12. Perkys Calling
13. Purple Reign

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Future è un continuo work in progress. Nel 2015 hanno visto la luce tre lavori, ognuno dei quali con una propria atmosfera distinta. “56 Nights” è una strana combinazione di ricongiungimento trionfante e apatia sul suo rapporto con l’ex fidanzata Ciara. Il suo terzo album in studio “DS2” un’esplorazione della sua anima torturata che colpisce con un’immediatezza maggiore rispetto ai suoi lavori precedenti. Poi “What a Time to Be Alive” con Drake che ci porta fino a “Purple Reign”, prima uscita di Future del nuovo anno.

Il mixtape contiene ancora uno strato di base della meschinità e la rabbia nei confronti della sua ex: “I had to take a loss so I could cherish this shit” rappa in “Never Forget” riconoscendo che, nonostante il grande seguito che ha guadagnato di recente, ha ancora qualcosa da dire sul suo rapporto. Dopo la stravaganza di “What a Time to Be Alive” questo mixtape vede un ritorno alla trap house, un territorio musicale con il quale sentirsi maggiormente a proprio agio. “Perkys Calling” è essenzialmente una ballata di pianoforte dedicata al passato pieno di ricordi che infestano il rapper nonostante i suoi recenti successi.
La produzione su “Purple Reign” è targata in gran parte Metro Boomin, che è anche produttore esecutivo del mixtape con DJ Esco. Tuttavia, le tracce che Boomin non ha prodotto sono quelle che spiccano. Nessuna ombra per lui, naturalmente, ma “Inside the Mattress”, “Perkys Calling”, “Run Up” e “No Charge” richiamano maggiormente l’attenzione. C’è una sorta di ritorno alle origini quando si tratta dei beats presenti, molto meno sontuosi rispetto al recente passato.

Il 2016 potrebbe essere il suo anno, “Purple Reign” si pone come un bel mixtape di per sé – né la sua opera migliore né la peggiore – funziona tuttavia perfettamente come anteprima di quello che verrà. Future è un personaggio da seguire con attenzione e curiosità, se in tutto ciò ci fosse un po’ di diversità nelle tracce per non farle suonare tutte uguali non sarebbe neanche una cattiva idea.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi