MARCO PARENTE – Disco Pubblico: i testi in esclusiva

discopubblico

In eclusiva assoluta vi presentiamo i testi dei 10 brani che compongono “Disco Pubblico”, nuovo album di Marco Parente, di cui parliamo approfonditamente in questa intervista con il cantautore napoletano.

AVVENTURA MOLECOLARE

Se solo riuscissi a sbloccare l’amore
Sarei come la chiave che apre il mare
E inonda
Le strade tra la gente
le stanze tra me e te
Se solo riuscissi a convogliarlo
Tutto l’amore
In un solo grande mare molecolare

Ma attento che ho tanto amore dentro
Da sfigurarti
Attento che ho troppo amore in corpo
Da scavalcare il mare il cielo
Fino all’amore moleco molecolare
Moleco molecolare
Moleco molecolare
Grande avventura mole
molecolare

IL CAOS IN UNA STANZA

C’è un osservatorio illuminato
proprio sotto casa mia
dove si vive davvero
la visione del caos
dove ogni strada porta a un sentimento
dove ci si azzanna per questo
perchè l’amore vero appartiene solo al popolo
e non a Pasolini
ma di Pasolini l’imprevisto dopo le otto

C’è il Rinascimento giù al Bar 90

E non occorre andar troppo lontano
per capire quanto è piccolo l’uomo
non basta studiarci al microscopio
ormai la voce sta girando
dopo gli alieni siamo noi la specie più irrisolta
eppure proprio sotto casa mia
ci si sporca le mani col cuore
si rischia davvero

Il Rinascimento giù al Bar 90

Eppure proprio sotto casa mia
ci si sporca le mani col cuore
si rischia davvero l’amore
che non è una colonia
ma la cultura che appartiene solo al popolo

Del Rinascimento

Tra le piaghe del giorno
dove si vive davvero
il caos in una stanza
giù al Bar 90

C’è un osservatorio illuminato
proprio sotto il naso
dove si vive davvero

Il Rinascimento

LO SPAZIO TRA I PERSONAGGI

Vorrei tanto fare sempre come mi pare
imparare ad arrivare in ritardo
con le cose della vita
con la gente

Eppure c’è qualcosa che me lo impedisce
forse è il rispetto dello spazio
tra me e te
i personaggi di questa storia

Vorrei tanto avere sempre ragione
sulle cose sulla vita con le persone
imparare ad andarti sopra con la voce

Eppure c’è qualcosa che ce lo impedisce
forse è il rispetto dello spazio
tra me e te
i personaggi di questa storia

L’intelligenza serve solo per mentirci
con la ragione che si da solo ai fessi
l’intelligenza serve solo ad imbastirsi
con la ragione che si da solo ai fessi

Poi c’è tutta un’altra storia
sì poi c’è tutta un’altra storia
questa è tutta un’altra storia
sì questa è tutta un’altra storia
quella del mio istinto

MA QUAND’E’ CHE SI RICOMINCIA DA CAPO?

Ero sul bus numero sette
quando d’animo improvviso
pronuncio la seguente frase

Ma quand’è che si ricomincia da capo
Ma quand’è che si ricomincia

Così tutto prega intorno a me
gli oggetti il finestrino il mio vicino
sembra una staffetta del destino
che snocciola pensieri invano

Ma quand’è che si ricomincia da capo
Ma quand’è che si ricomincia

Ho pensato e ripensato a quel pensiero
fino a credere che non è esistito mai
almeno non nella versione ufficiale
del vivere ufficiale

Certo ora non posso provarlo
che accade almeno una volta al giorno
in un angolo del cervello
come un segreto in parallelo

Che non dorme mai che non dorme mai
Che non dorme mai che non dorme mai

Ma quand’è che si ricomincia da capo
Ma quand’è che si ricomincia

IN MEZZO AL BUIO

Davanti a me c’è una ragazza che non vede
eppure mi osserva
mi legge dentro come un libro mai aperto
per pudore di esser nudo in mezzo al buio
è inutile fuggire con gli occhi
se non sai dove andare

Davanti a me quella ragazza continua a fissarmi
come fosse la C.I.A. che mi spia attraverso
un dossier aperto mai letto
per pudore di esser nudo in mezzo al buio
è inutile fuggire con gli occhi
se non sai dove andare

E’ successo davvero
un duello tra buio e luce
E’ successo davvero
una sorta di apprendimento
E’ sucesso davvero
su di un treno che mi porta lontano

Dove non sono mai stato
per pudore di esser nudo
in mezzo al buio

NELLA GIUNGLA

Tu sei tu hai
solo se dai
se dai tu puoi
solo chi sei
Tu sei tu hai
solo se dai
se dai tu puoi
solo chi sei

Sono un uomo
una brava persona
e posso solo attraversare la linea gialla

Del mio cuore nella giungla del tuo cuore

Tu sei tu hai
solo se dai
se dai tu puoi
solo chi sei

Sono un uomo
una brava persona
e posso solo attraversare
la linea gialla

Del mio cuore nella giungla
del tuo cuore nella giungla
del mio cuore nella giungla

Sono un uomo
no non sono un’animale
e posso solo attraversare la linea gialla

IL GUSTO DELLA VIA

Via via non torna indietro mai una via
via via dentro a un bosco la mia via
e non per smarrimento

Che schianto la realtà
che m’imbarazza
pubblicità
consuma la città
e mi prende e porta via

Via via

Via via consumano le ombre una via
via via non torna a casa la mia via
e non per smarrimento

Che schianto la realtà
che m’imbarazza
pubblicità
consuma la città
e mi prende e porta via
il gusto della via
troppa realtà
finisce per portarsi via
la mia via

E’ così che perdo la via
E’ così che scivola via
E’ così che perdo la via

Il gusto della mia via

UOMINI INCAGLIATI

Siamo gli uomini inciampati
sulle torte di compleanno
nei dettagli del tempo
è così che si diventa canaglie
a dispetto del cuore
senza naso che sappia fiutarne l’odore
siamo gli uomini incaglati
nella Storia dell’amore
in cantate parole ma non una
che sappia davvero

Trovare il coraggio di sbagliarla la vita
perchè forse anche sbagliare
è la vita

Siamo gli uomini incagliati
ancora una volta fuori tempo
con un mare in religioso silenzio
che ha ingannato anche Dio
che ancor prima d’esserlo
ha evitato ogni sorta di specchio
siamo gli uomini inciampati
sull’amore benedetto
in consolate parole ma non una
che sappia davvero

Trovare il coraggio di sbagliarla la vita
perchè forse anche sbagliare
è la vita

Ma la vita è un mestiere
d’amore un groviglio
eppure non mollo un solo filo
di vento che soffia
sul cuore un destino
dove solo frugare ci è consentito
anche solo un momento
come fosse per sempre

Abbracciandoti ancora

COMBACIARE

Come combaciare
gli occhi ai discorsi
prenderli a calci

Cosicchè io possa ancora
baciarti anche il pensiero
cosicchè io possa ancora
trovarci dentro anche il mio
a combaciare con il tuo
disgelo

Come combaciare
i passi con le ombre
prenderle a calci

Cosicchè io possa ancora
baciarti anche il pensiero
cosicchè io possa ancora
trovarci dentro anche il mio
a combaciare con il tuo
disgelo

Cosicchè io possa ancora
baciarti anche il pensiero
cosicchè io possa ancora
trovarci dentro anche il mio
cosicchè io possa ancora
toccarti anche nel caos
cosicchè io possa ancora

Trovarci dentro anche il mio
a combaciare con il tuo

Disgelo il caos, tuo inverno
Disgelo il caos, tuo inverno
Disgelo il caos, tuo inverno
Disgeli il caos, tuo inverno
Disgelo il caos, tuo inverno

MAI SOLO

Quasi mai ciò che ti fa bene
coincide col piacere di farlo
questo è il desiderio
che in fondo cos’è
se non un corpo che parla

Di questo si veste l’amore
di tutto si veste pur di non esser
Mai solo
Mai solo

Quasi mai il tuo desiderio
combacia con il suo oggetto
quello è il piacere
ma in fondo cos’è
se non un corpo che parla

Di questo si veste l’amore
Di tutto si veste pur di non esser
Mai solo
Mai solo

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi