Recensioni

Matmos – Ultimate Care II

2016 - Thrill Jockey
elettronica / avantgarde

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1. Ultimate Care II

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ci chiedevamo come questi due pazzi potessero ancora stupirci dopo più di 20 anni di attività e una sperimentazione che pare aver toccato estremi impraticabili; invece, il duo di San Francisco è riuscito ancora a sorprenderci con 38 minuti in offerta Whirlpool. Una sola traccia, che dura il tempo di una lavatrice; la coppia Matmos, rispettivamente M.C. Schmidt e Drew Daniel, aveva infatti iniziato la carriera amplificando l’attività nervosa dei gamberi (!) in Verber: amplified synapse; il rischio era quello di non sapere dove sbattere la testa negli album successivi. Oggi sono arrivati a qualcosa di meglio, con un accessorio assolutamente quotidiano la cui peculiarità sta nella sua metafisica banalità.

L’atmosfera che si crea in Ultimate Care II è fortemente tribale, l’idea che nasce è quella di percussioni primitive, seguite però inaspettatamente da suoni distorti e glitch, graffianti e perché no elettronici; a circa metà album succede qualcosa di imprevisto, il suono si fa improvvisamente incalzante, pare l’inizio di un rito africano tra le cascate, ma credo fosse l’inizio del risciacquo. Ciò che emerge insomma per quanto riguarda le sonorità è un miscuglio ben assemblato di tutti i generi volta a esplorare spazi e intervalli sonori in contesti assolutamente impensati.

La musica per i Matmos non è solo terreno di ricerca in stile Stockhausen o Pierre Henry, ma lascia anche aperto un discorso politico. Quest’album -a suo modo anche un po’ sprezzante e ironico-  ci invita a farci domande non solo sull’idea di strumento, ma anche e soprattutto sul suono, il suo sviluppo in una certa direzione e paradossalmente la sua naturalezza e la capacità di nascere dal nulla: al di là di qualsiasi etichetta, il duo matmosiano ci apre a un mondo di libertà inusuale.

Un giorno un mio amico mi ha detto «mi piace molto la lavatrice anche se non ci ho mai fatto l’amore sopra». Io gli auguro che il giorno in cui succederà quest’album possa accompagnarlo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi