Recensioni

Rotting Christ – Rituals

2016 - Season Of Mist
black metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1. In Nomine Dei Nostri
    2. Ze Nigmar
    3. Elthe Kyrie
    4. Les Litanies De Satan (Les Fleurs Du Mal)
    5. Apage Satana
    6. For A Voice Like Thunder
    7. Konx Om Pax
    8. (Devadevam)
    9. The Four Horsemen

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sono tornati i Rotting Christ. “Rituals” era uno dei dischi metal più attesi del primo scorcio di 2016 e non solo perché la band è una delle più influenti nella storia del genere e, in particolare, sulla scena (black) metal mediterranea, ma anche perché nell’ultima decade la band ci ha abituato a lavori sempre più complessi e a dei cammini spirituali che guardano all’antichità e, inevitabilmente, alla Grecia stessa come punti d’arrivo. Lo stesso Sakis Tollis aveva descritto “Rituals” come il lavoro più personale e oscuro della discografia della band.

Le fondamenta per edificare un ponte che porti dritti nel passato erano state già gettate nel passato e, infatti, “Rituals” è la naturale evoluzione degli ultimi due lavori. Sono tantissimi gli ospiti ed è per questo che la ricchezza delle linee vocali è uno dei punti forti dell’opera. Sakis Tollis ha scelto d’imperniare “Rituals” intorno a strutture vocali complesse: canti, cori, dialoghi, persino l’intervento di Danai Katsameni, attrice del Teatro Nazionale Greco, in “Elthe Kyrie”.
Per quanto attenga l’aspetto meramente musicale, invece, i Rotting Christ confermano quella tensione, emersa maggiormente negli ultimi temi, volta a cercare un equilibrio fra melodia e potenza. Di altissimo livello è la produzione così come la cura per gli arrangiamenti, ma il disco probabilmente non verrà amato da chi cerca, nella band, i riff pesanti e l’aggressività che hanno contraddistinto gran parte della discografia, a causa di un approccio generalmente più minimale della chitarra. A martellare è, in particolare, la batteria, ma le maggiori novità sono nelle atmosfere e nelle costruzioni vocali ossessive e ipnotiche. Emblematico è, da questo punto di vista, “Ze Nigmar”: il pezzo si carica d’un tono epico grazie alla profondità del riff e alla scansione del tempo ad opera dell’ottima batteria di Themis, mentre il testo, in aramaico, coincide con le ultime sette frasi pronunciate da Gesù sulla croce.

“Rituals” è un disco che include partiture di musica etnica greca, richiami alla letteratura, all’arte e alla storia della penisola ellenica, ma che rimane metal, nella forma come nella sostanza. Quello dei Rotting Christ è un ritorno in pompa magna con un disco che ha comprensibilmente richiesto parecchio tempo per essere completato e che non sarà facilmente riproducibile dal vivo, ma che, sebbene in alcuni passaggi ridondante sino a rasentare i limiti dell’autocitazione, risulta straordinariamente ispirato e complesso sotto ogni punto di vista.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi