VINA FEST – Vol. 2: Le cinque band che saliranno sul palco della festa di Vina Records

vina_fest_compila850x440

A pochi giorni dall’evento, vi presentiamo le band protagoniste della serata di sabato 16 aprile al SAMO di Torino

Ci siamo quasi, sabato 16 aprile è vicino e fervono gli ultimi preparativi in casa Vina Records per la seconda edizione della VINA FEST in programma al Samo di Torino.
Sul palco saliranno cinque band del roster dell’etichetta e oggi ve le presentiamo una ad una per conoscerle meglio.
Dopo di loro, l’aftershow sarà affidato al dj-set di Linoleum, direttamente da Milano, che accompagnerà il pubblico torinese fino alle prime ore del mattino.
Una serata da non perdere.

Ecco gli artisti della VINA FEST – Vol. 2!

image
DAGOMAGO

Filastrocche e musica presa bene.
Pop che ha il sapore dell’indie ma anche del Mediterraneo e del mar dei Caraibi.
Uno spettacolo che vuole divertire e far ballare.
Best Arezzo Wave Band 2015 e con all’attivo piccoli e grandi riconoscimenti nell’ultimo anno: CMJ Music Marathon (New York, USA), Montreux Jazz Festival(Svizzera), Collisioni, Indietiamo e Festival dei Castelli Romani.
Il nuovo singolo si intitola “Senza cognizione” ed è un’esplosione tropical punk.

> Dagomago su Facebook

image (1)
INVERS

Accordi minimali e nevrotici, atmosfere indie-rock anglosassoni e testi particolarmente vicini al cantautorato italiano.
Due album all’attivo (“Dal peggiore dei tuoi figli” del 2012 e “Dell’amore, della morte, della vita” del 2014), centinaia di date in tutta la penisola, finalisti di Arezzo Wave 2013, il primo singolo “Non preoccupatevi per me (se fuori piove)” in heavy rotation su MTV Music, il secondo “Buongiorno America” in anteprima su Rockit, aperture a Ministri, Zen Circus, Management del Dolore Post Operatorio e partecipazioni live a La Stampa TV e Radio RAI 1.
Il videoclip del loro ultimo singolo “Nessun altro” è firmato da Gabriele Ottino (Niagara, Superbudda) ed è uscito in anteprima su OndaRock a luglio 2015.
Né belli, né simpatici. Elegantemente vestiti male. Dopo ogni concerto, sempre sudati marci.

> Invers su Facebook

image (2)
SCIMMIASAKI

Scimmiasaki è una scimmia.
Ha la faccia bionda e il resto del corpo bruno, dal quale spunta una coda pelosa più lunga dello stesso animale.
Indie rock, emo e punk gridato, urlato, sincero.
Esibizioni in festival importanti come Rockin’ Cura, Ephebia, FDB e un EP “Collasso” appena uscito, prodotto da Andrea Di Giambattista del Management Del Dolore Post Operatorio, firmato nell’artwork da Riccardo Torti (disegnatore di Dylan Dog) e dal sound dirompente, compatto e coerente.
A marzo 2016 è uscito in anteprima per OndaRock il videoclip del loro primo singolo “Voglia”.

> Scimmiasaki su Facebook

image (3)
GABEN

Elettronica, suoni computerizzati e strumenti reali usati al contrario.
Musicista e disegnatore, Alessandro Gabini si trascina negli anni ‘90 skateando tra grunge, noise, hardcore, punk, hip hop.
Nel 2010 pubblica, sotto lo pseudonimo di Gaben, il suo primo disco dal titolo “Cane” e l’anno seguente suona il basso per Cristina Donà nel suo “Torno a casa a piedi tour”.
Suona basso e chitarra dal vivo per Violante Placido e produce il suo secondo album in cui registra diversi strumenti ed è co-autore di alcuni brani insieme a Lele Battista e la stessa Violante.
Nel 2015 suona il basso dal vivo per Mauro Ermanno Giovanardi e Francesca Lago.
A marzo 2016, torna con una nuova proposta musicale che coinvolge diversi musicisti del panorama indipendente italiano e non solo.
Un progetto nato tra Pescara, Roma, Milano e Dublino. Il titolo “Vado” sottolinea questo percorso creativo itinerante.
Un punk dolce, un pop distorto.

> Gaben su Facebook

image (4)
BLACK BALLOONS

Il rock delle origini e l’elettronica da club, l’attitudine punk e l’energia di un rave party, bombardate di sintetizzatori e un suono grezzo e potente.
Anticipato dal videoclip del singolo “I’m sticky like a virus”, a novembre 2014 esce “Sudden Attack” il primo disco del duo biellese composto da Luca Campochiaro (voce, chitarra, synth) ed Emanuel Casolaro (batteria, synth).
L’album rappresenta l’unione fra suoni elettronici e frequenze elettriche, dove la chitarra distorta rincorre ipnotici suoni di synth guidati da colpi di fucile elettro.
La band è attualmente impegnata nella produzione del secondo disco.

> Black Balloons su Facebook

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi