[Anteprima Streaming]: OVERFLOW – Renaissance

overflow

Overflow non è un nome pensato a tavolino, è l’esatta condizione in cui Andrea Bombonati e Pietro Gambarin si sono ritrovati dopo due anni di lavoro e studio.
Il duo comincia a comporre e sperimentare nella propria Production Room a Verona nell’estate del 2014 nell’intento è quello di creare qualcosa di nuovo. Nonostante l’apparente difficoltà a far convergere due mondi antitetici, da una parte l’aggressività dei sintetizzatori che mette in evidenza l’estrema attenzione del suono nei suoi minimi dettagli e dall’altra, l’eleganza di una struttura armonica che prende in considerazione l’affascinante mondo della musica sinfonica, i due riescono magistralmente nell’intento.
Ma in dettaglio, chi sono veramente gli Overflow? Andrea Bombonati è uno studente di pianoforte presso il conservatorio di Venezia prossimo al diploma, il suo mondo è la camera da concerto ma in passato non si è negato esperienze nel mondo del Progressive Rock e dell’Hard Rock.
Pietro Gambarin invece è un chitarrista e bassista che in questo ultimo periodo non si dispiace a gestire la moltitudine di sintetizzatori che invadono il loro studio di registrazione. In passato ha militato in diversi complessi del panorama locale spaziando in qualsiasi genere.

Sono proprio queste diversità che hanno generato un brano come “Renaissance”, giusta evoluzione di Admire, il primo singolo estratto dal loro primo EP in uscita in estate.
Tante le influenze che colorano Reinassance: qui la musica classica (Vivaldi, Bach, Rachmaninov) incontra la musica elettronica (Jean-Michel Jarre, Giorgio Moroder, Daft Punk, Deadmau5) creando un perfetto equilibrio tra i due mondi.

Eccolo in anteprima assoluta!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi