Recensioni

Kendrick Lamar – Untitled Unmastered.

2016 - Top Dawg
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Untitled 01 (08.19.2014)
02. Untitled 02 (06.23.2014)
03. Untitled 03 (05.28.2013)
04. Untitled 04 (08.14.2014)
05. Untitled 05 (09.21.2014)
06. Untitled 06 (06.30.2014)
07. Untitled 07 (2014 - 2016)
08. Untitled 08 (09.06.2014)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“I made To Pimp a Butterfly for you”. Così esordisce Kendrick Lamar nell’apertura di “untitled unmastered.”. Ed è molto forte la tentazione nel leggere attraverso queste parole: in effetti, si sta tentando di scavare in profondità, in tutto ciò che riguarda la sua ultima release. “To Pimp a Butterfly” è stato vincitore di Grammy, con rime densamente annodate, idee aggrovigliate e profondi suoni, la figura di Kendrick Lamar come un messia riluttante.

Ora, una raccolta in gran parte inattesa di demo, una manciata di canzoni in un progetto che non è né album né un mixtape (o anche un EP o LP) che sembra avere ancora meno delle chance di passaggi radiofonici. Non c’è dubbio che quasi tutte queste canzoni derivino dalle sessions di “To Pimp a Butterfly”, “Untitled 03 (05.28.2013)” era già stata eseguita live quattro mesi prima dell’uscita dell’album. E’ il classico Kendrick, le osservazioni sulla razza e l’industria musicale, gli asiatici sono legati alla filosofia orientale, i nativi americani alla terra, i neri alla lussuria, i bianchi all’avidità. E’ anche la canzone migliore della raccolta; forse l’unica che emerge con un pensiero finito. A volte Kendrick è affiancato da altre voci, come in “Untitled 05 (09.21.2014)” che suona come una lunga sessione di jazz-groove. Ma il tutto si ascolta come un progetto jazz, non solo perché si sta usando musica jazz. In “Untitled 01 (08.19.2014)” indossa le vesti di servo di Dio: “[You] told me to use my vocals to save mankind for you/ [Don’t] say I didn’t try for you, say I didn’t ride for you, or tithe for you, or push the club to the side for you”. “untitled unmastered.” è la completa inversione dell’ultimo Kanye West “The Life of Pablo”, una piccola e tranquilla dichiarazione da parte di artista che ha poco da dimostrare in questo momento.

Kendrick Lamar oggi è un artista libero, libero di muoversi. Con la consapevolezza di essere arrivato molto in alto (perché proprio lui?) e di essere migliorato moltissimo rispetto agli esordi. Può piacere o no, ma chi ha a che fare con questo genere musicale, oggi un ascolto deve dedicarlo obbligatoriamente.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi