Recensioni

Miss Mog – Federer

2016 - Dischi Soviet
electro pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Un Pomeriggio
2. Venety Fair
3. Pangea
4. Faust
5. Federer
6. Panchine Divelte
7. Complesso B
8. L’alibi
9. Meteorismo
10.Razorology
11. Sulle Punte

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Undici pezzi, compresi i quattro già nel loro primo EP, per il nuovo disco dei Miss Mog, un electro pop che riserva più sorprese di quante si possa pensare.

Un riassunto del loro lavoro si coglie subito dal nome: il primo batterista lavorò talmente a lungo tra i gas delle automobili che se ne uscì con “no respiravo smog, jero deventà mì smog”. Miss Mog. La capacità di giocare con l’ironia e ottenere un risultato geniale è la base fondamentale di tutto il disco.
Alternano temi più o meno seriosi a tratti estremamente leggeri, trattano di problemi e domande quotidiani per nulla banali con la leggerezza e la decisione di chi sa di cosa sta parlando.
Musicalmente sono sempre molto curati, sia quando si fanno ballerini (Venety Fair) che quando si rendono introspettivi (Federer). Complesso B è in sé per sé geniale, parla tecnicamente di scelte alimentari ma praticamente di ben poco, a ritmo elevato e seconda voce robotica.

Inizialmente si fatica a prenderli sul serio, perché all’orecchio rimane la tenuità del pop e la sensazione che non riescano a trasmettere molto. Continuando l’ascolto ci si rende conto che sono l’opposto della banalità, che sanno utilizzare un genere musicale leggero, rileggendolo spesso in maniera volutamente poco impegnativa, per trattare argomenti tutt’altro che scontati. Uno lavoro splendido, dà soddisfazioni e andrebbe premiato a dovere.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi