Recensioni

Rain – Space Pirates

2016 - Aural Music
heavy metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Spacepirates
2. Not Dead Yet
3. Hellfire
4. Black Ford Rising
5. Billion Dollar $ong
6. 86
7. Forever Bitch
8. We don’t Call the Cops (W.D.C.T.C.)
9. Kite ‘n Roll

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ritorna uno stracult del classic metal nostrano, con un’illustrazione di copertina “sex fantasy” da far invidia ai peggiori Spinal Tap e con 9 brani che sembrano usciti direttamente dalla scaletta di qualche Metal For Muthas del nuovo millennio.

Machismo a 4 stelle (Forever Bitch, che titolo eh?), NWOBHM passata e ripassata, setacciata da Diamanod Head a Saxon, Judas e compagnia bella. Diretto come chi, quando è ora, ti manda “affanculo” senza troppi complimenti; senza giri di parole né inutili masturbazioni solistiche, tutto radicato nella solida semplicità di chorus azzeccati e costruiti con il sornione mestiere di chi la sa lunga ed ha ben a memoria il catalogo dei tanti classici non privi di melodia, dai Manowar agli Helloween ai WASP.

Tutti i metal kids (o senior, visti i tempi…) che ancora insistono con occhialoni neri, capello lungo, pelle e qualche bella borchia metallizzata, avranno di che sfamarsi alla tavolata imbandita dai nuovi pirati spaziali, che con Black Ford Rising e We Don’t Call The Cops fanno divertire (e si divertono loro stessi…) alquanto.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi