Recensioni

Asap Ferg – Always Strive and Prosper

2016 - A$AP Worldwide
hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

    01 Rebirth
    02 Hungry Ham
    03 Strive
    04 Meet My Crazy Uncle (Skit)
    05 Psycho
    06 Let It Bang
    07 New Level
    08 Yammy Gang
    09 Swipe Life
    10 Uzi Gang
    11 Beautiful People
    12 Damn Not Again (Skit)
    13 Let You Go
    14 World Is Mine
    15 Phone Call With Breezy (Skit)
    16 I Love You
    17 Grandma (Skit)
    18 Grandma

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Una “supporting star” potrà mai diventare un “leading man”? Dannatamente quasi impossibile. Allora, cosa dire di ASAP Ferg? Come Rocky e il tristemente scomparso Yams ha contribuito a inaugurare una nuova ondata di sound East Coast, una nuova inventiva. E si è posizionato come il più probabile membro di ASAP Mob nel riuscire a sfruttare tale marchio per una carriera da solista. ASAP Ferg è un tipo strano, irriverente, accattivante.

“Always Strive and Prosper” stilisticamente è un passo da gigante rispetto all’album di debutto. “Hungry Ham” riunisce Skrillex dopo “Wild For the Night” di ASAP Rocky ma l’elettronica stramba associata a guaiti nervosi (nei quali Ferg dimostra tutti i suoi limiti da rapper) ne fanno un brano semi inascostabile. “Strive” si apre come un brano smooth jazz prima di diventare EDM in una collaborazione con Missy Elliott che sulla carta sembrava quasi interessante. E’ musica per quando si è troppo ubriachi e che difficilmente sarà passabile in qualsiasi club. Missy a parte, “Always Strive and Prosper” riunisce le più alte guest stars del rap di oggi. “Swipe Life” vede Rick Ross e Ferg vantarsi delle proprie ricchezze nella comodità di una zona VIP club. C’è Future in “New Level” autentico banger non del tutto riuscito. Chris Brown in un’“I Love You” che si rifà agli anni zero, quando i rapper tiravano fuori regolarmente delle ballate come singoli. Tantissimi ospiti, una quantità enorme di minuti, continui spostamenti di tono con un Ferg che non riesce ad imporre pienamente se stesso nel progetto. I momenti migliori dell’album arrivano con “Psycho” e “Let It Bang” (prodotta da Lex Luger) ma ci sono anche altri punti forti come le sirene scure di “Uzi Gang”.

Il collettivo ASAP Mob ha sempre proposto un sound originale e fresco ed è per questo che “Always Strive and Prosper” andava ascoltato e analizzato. Ma la differenza nelle capacità rispetto ad ASAP Rocky è purtroppo per certi versi abissale e in questo caso troppo evidente.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi